Lara Magoni, assessore Lombardia elogia le leggi per il lavoro di Mussolini. Ma è una bufala

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 14:16 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018 14:16
Lara Magoni, assessore Lombardia elogia le leggi per il lavoro di Mussolini. Ma è una bufala

Lara Magoni, assessore Lombardia elogia le leggi per il lavoro di Mussolini. Ma è una bufala

MILANO – “Le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio TUTTE dal fascismo”. Ne è convinta Lara Magoni, neo assessore al Turismo della giunta Fontana in Lombardia che, il pomeriggio del primo maggio ha pubblicato sul suo profilo Facebook una inquietante riflessione sulle “buone cose” lasciate da Benito Mussolini. Peccato che siano in parte false.

A corredo delle sue affermazioni l’assessore posta anche una foto di un telegramma che il Duce inviò al senatore Giovanni Agnelli, nonno di Gianni, in cui chiedeva il rispetto delle leggi sociali del fascismo all’interno degli stabilimenti Fiat. Segue un elenco delle varie norme approvate durante il regime. Ma le cose non andarono proprio così.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

“Posso dirvelo? – ha scritto Lara Magoni – Rinnegare ciò che di buono è stato fatto è un grande errore, visto che le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio TUTTE dal fascismo. Tutti condanniamo l’eccidio del quale sono stati tutti coinvolti e per il quale c’è da vergognarsi ma ora basta combattere i fantasmi…dopo settant’anni  …Visto e considerato che questi benefit piacciono a tutti…”

Il guaio è che il telegramma, spesso rilanciato sulle pagine dei nostalgici, è autentico, ma le leggi in esso citate andrebbero contestualizzate in un sistema autarchico quale era il Fascismo e corporativo. Oltretutto quelle leggi non sono tutte di mussoliniana memoria. Molti di quegli interventi normativi a favore dei lavoratori non nacquero sotto il fascismo, ma in precedenza. Come le norme su maternità, infanzia e assistenza dei poveri, già ampiamente disciplinate dalla legge Crispi n. 6972 del 17 luglio 1890. Lo stesso dicasi per le pensioni che non furono inventate da Mussolini, dal momento che la previdenza sociale contro l’invalidità e la vecchiaia è stata istituita nel 1919. Basta consultare il sito dell’Inps per saperlo.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other