Lavoro: stop su ammortizzatori, l’accordo è più lontano

Pubblicato il 13 Marzo 2012 0:10 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2012 23:05

ROMA, 12 MAR – E' sul tema degli ammortizzatori sociali, al tavolo per la riforma del mercato del lavoro, che governo e parti sociali oggi si sono allontanati dall'obiettivo di un accordo. Il ministro Fornero ha confermato i tempi stretti per il confronto, indicando la nuova dead-line del 23 marzo. Ed ha accelerato sull'ingresso dei nuovi strumenti di tutela, a regime dal 2015 e non piu' dal 2017. Per i sindacati e' ''un passo indietro''. Mentre resta il nodo risorse.

AMMORTIZZATORI, NO DELLE PARTI, ALLARME STOP MOBILITA'
Anticipare l'ingresso di nuovi strumenti significa anche anticipare lo stop alle tutele oggi in campo, come la mobilita'. No dei sindacati e di Confindustria, che chiedono al ministro di rivedere questa scelta: strumenti come la mobilita', sostengono, sono insostituibili in tempi di allarme occupazione, con la crisi che imporra' ancora complesse ristrutturazioni aziendali.

RISORSE: ALLE PARTI NON BASTA SOLO UN IMPEGNO A TROVARLE
Dopo il rinvio del tavolo, annunciato dal governo per individuare risorse da mettere in campo, alla ripresa del confronto i sindacati sottolineano di non aver avuto le risposte che attendevano: non e' stata indicata esattamente una cifra, ed e' arrivato solo un impegno a garantire la copertura quando la riforma sara' operativa, spiegano. ''E se arrivera' un altro governo che non confermera' questi impegni?'', obietta l'Ugl.
ASPI, LA NUOVA INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE, TETTO 1.119 EURO
La nuova indennita' di disoccupazione proposta dal governo si chiamera' Aspi, Assicurazione Sociale per l'impiego. Sostituira' tutti gli strumenti oggi in campo, compresa la mobilita', tranne la cig ordinaria ed una parte della cig straordinaria salvata (scompare solo per i casi di cessazioni di attivita') nella messa a punto della riforma.

L'Aspi prevede un tetto massimo di 1.119 euro lordi in linea con gli strumenti attuali, una durata di 12 mesi che sale a 18 per gli over-58, con una prestazione che si ridurra' del 15% ogni 6 mesi. Si applichera' a tutti i lavoratori dipendenti privati e ai lavoratori pubblici con contratto non a tempo indeterminato. Come requisiti serviranno due anni di anzianita' assicurative e almeno 52 settimane ultimo biennio. Dai commenti dei sindacati emerge la preoccupazione per il rischio, nel complesso, di una riduzione dell'efficacia della copertura e requisiti troppo stringenti per poterla allargare ad una ampia fascia di precariato.

CGIL, NON C'E' ESTENSIONE PROMESSA: NESSUN LAVORATORE IN PIU'
Siamo lontani dall'obiettivo del governo di un nuovo sistema di ammortizzatori ''universale'', con una copertura per 12 milioni di lavoratori, estesa quindi a otto milioni di esclusi. Lo sottolinea la Cgil: ''Si riducono le coperture attuali senza dare niente a chi attualmente non ha alcuna copertura''.

PMI: ALLARME COSTO DEL LAVORO, AUMENTERA' OLTRE IL 2%
I costi per le imprese del nuovo sistema di ammortizzatori, che si aggiungono ai disincentivi per il lavoro a tempo determinato, porteranno ''un appesantimento del costo del lavoro di fatto oltre il 2%, che per le piccole imprese sarebbe inaccettabile''. E' allarme delle pmi di Rete Imprese Italia.