Politica Italia

Le Iene, Fabrizio Rossi e quel lavoro alla Camera pagato da…papà

iene-fabrizio-rossi-deputato

Le Iene, Fabrizio Rossi e quel lavoro alla Camera col de pagato da…papà

ROMA – Le Iene, Fabrizio Rossi e quel lavoro alla Camera pagato da…papà deputato. Nessuno in Parlamento sembra conoscere il ragazzo, figlio di Domenico Rossi, che il servizio in onda su Italia 1 de Le Iene svela essere pagato, al contrario di altri stagisti.

Mario Ajello sul Messaggero scrive che nessuno si ricorda di Fabrizio Rossi e che non appare certo come il classico portaborse:

“I pochi che dicono di ricordarselo – «Ah, devo averlo intercettato qualche volta» – lo descrivono l’opposto del portaborse o dell’animale da Transatlantico o da ufficio parlamentare. Un look da rocker, da leader di una band alternativa. Capelli lunghi. Portamento simpatico da chi non deve certo guadagnarsi la gloria in Parlamento né quello è il suo scopo né quello è il suo luogo.

Ma papà, ovvero il generale, ha trovato il modo per fargli avere uno stipendiuccio da assistente dell’amico deputato Caruso ed è sempre meglio di niente. Anche se quei soldi sarebbero potuti andare non al simpatico Fabrizio – «Un tipo estroverso, chiacchierone, con la grande fortuna di potersene infischiare di tutto e ciò lo rende un fico», dicono di lui – ma all’assistente che lavora veramente al posto suo. La quale un giorno lo incontra per strada e gli fa: ««Non vieni da un anno e mezzo alla Camera, perché non ti fai più vedere?». E lui, pagato da quello che dovrebbe pagare lei e non lui: «Perché papà ha preso uno studio qui vicino e mi vuole sempre accanto a lui»”.

Secondo il reportage de Le Iene, il deputato paga il figlio di Rossi, mentre l’assistente non viene pagata:

“A un certo punto, Rossi padre decise di candidarsi in una lista di centro-destra per le europee nel 2014. Non viene eletto. Si tiene il posto in Italia dove invece sta nel centrosinistra. E anche al governo. Il generale ha pure provato a diventare sindaco di Roma. Ha partecipato in quota Tabacci alle primarie del centrosinistra contro Giachetti, Morassut e gli altri. Ha preso il 3 per cento e la cosa divertente – a detta dei partecipanti – era che alle riunioni preparatorie dei gazebo al Pd Lazio partecipava, in rappresentanza di papà, il figlio rockettaro. Fabrizio dava un colpo di colore e di diversità estetica, tra tante divise da politicanti, a quelle sonnolente riunioni. Ed era lì, pagato dall’erario”.

To Top