Lecco, consigliere Pd: “A Berlusconi o gli spari in testa o niente”

Pubblicato il 22 Dicembre 2009 21:03 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2009 21:03

busi«O gli spari in testa o niente». Fabio Busi, un consigliere del centrosinistra di maggioranza a Paderno d’Adda, centro della Brianza in provincia di Lecco, ha commentato così sul social network Facebook l’aggressione al premier Berlusconi. Il Pdl locale ora ne chiede le dimissioni.

Le frasi incriminate di Busi, 20 anni: «Chi è quell’idolo che ha spaccato la faccia a Berlusconi? – si chiede on line il giovane politico – Sarà Fini? A parte gli scherzi, ma quanto è ridicolo ‘sto paese? O gli spari in testa o niente». La sortita ha mandato su tutte le furie l’opposizione “Paderno per la libertà”.

Il consigliere Marco Parolari, che ha denunciato il fatto, ha così chiesto le dimissioni di Busi: «La violenza fisica è la conseguenza di quella verbale». A sua volta Busi parla di strumentalizzazione: «Ho definito sciagurato e pazzo chi ha colpito Berlusconi. Ne vogliono fare un caso partendo da informazioni lacunose. Era solo una battuta, forse infelice ma una battuta».

Il sindaco Valter Motta liquida la faccenda parlando senza mezzi temini di “battuta di cattivo gusto”.