Bossi: “Il federalismo serve più al sud che al nord”

Pubblicato il 1 Aprile 2010 18:49 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2010 18:49

Umberto Bossi

“Il federalismo occorre forse più al sud che al nord”. Lo ha affermato il leader della Lega Umberto Bossi nel corso di una intervista a “L’ultima parola” in onda domani sera su Raidue. Bossi ha sottolineato la necessità del federalismo fiscale: “si devono dare i soldi a chi si comporta bene e non a chi spreca. Pensate che le garze negli ospedali al sud costano 10 volte di più rispetto a quanto costano in Lombardia. Ciò accade perché rubano, bisogna impedirlo”. I soldi delle tasse devono andare a buon fine”.

“L’ondata verde – ha aggiunto Bossi – si può spingere fino alle regioni del sud”. Il Senatur ha raccontato che “a Roma qualche giorno fa passavo davanti all’Altare della patria e un tassista che mi ha visto, ha gridato: ‘Bossi quando ti prendi Roma?”.

Il leader del Carroccio ha sottolineato come la vittoria di Roberto Cota in Piemonte sia stata un successo contro “un sistema forte”. “In Piemonte – ha spiegato Bossi – la sinistra era molto forte ma ha perso. Cota è un ragazzo che è riuscito a far fuori un sistema di potere enorme”.

Parlando della possibile candidatura a sindaco di Milano, Bossi conclude: “Io sono al servizio di ciò che dice il consiglio federale, che è l’organo superiore della Lega. Ci sono persone che aspettano da anni io non voglio fare delle guerre per questo”.