Lega, Dolores Valandro insulta Kyenge e scompare da Fb: “Solo una battuta”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Giugno 2013 20:00 | Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2013 20:16
Lega, Dolores Valandro insulta Kyenge e scompare da Fb: "Solo una battuta"

Lega, Dolores Valandro insulta Kyenge e scompare da Fb: “Solo una battuta”

ROMA – “Perché nessuno stupra Cecile Kyenge?”. La domanda di Dolores Valandro, consigliera di quartiere della Lega Nord a Padova, scompare da Facebook insieme al suo profilo. Insieme alla scomparsa degli insulti alla Kyenge, ministro dell’Integrazione, appaiono anche le scuse della consigliera Valandro, che in un’intervista a Radio Capital spiega: “E’ stata una battuta detta in un momento di rabbia”. La scomparsa del profilo della Valandro potrebbe non essere stata volontaria: il social network, su segnalazioni di utenti indignati per lo “sfogo”, potrebbe aver bloccato il profilo della consigliera leghista.

IL POST SU FACEBOOK – Tutto inizia la mattina del 13 giugno, quando la Valandro sul suo profilo Facebook commenta così la notizia di uno stupro a Genova:

“Ma mai nessuno che se la stupri (riferito al ministro Kyenge, ndr), così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato?”.

LA SCOMPARSA DEL PROFILO –  Secondo quanto si apprende, non c’è stato alcun intervento delle autorità di polizia, anche perché poco dopo l’esplosione della polemica qualcuno che aveva l’accesso al profilo ha rimosso le frasi incriminate. A rimuovere il profilo potrebbe dunque essere stata la stessa Valandro o direttamente Facebook, dopo aver ricevuto diverse segnalazioni.

“SOLO UNA BATTUTA” – La Valandro chiede scusa alla Kyenge e spiega: “E’ stata una battuta detta in un momento di rabbia. Quando ho un momento di rabbia butto lì e mi sfogo così. Chiedo scusa, ma ripeto che è stato un momento di rabbia, non sono un tipo violento”.