La Lega e la lista degli epurati

Pubblicato il 17 ottobre 2011 13:04 | Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2011 13:06

Umberto Bossi e Rosy Mauro (Foto Lapresse)

VARESE – Una lista di 47 “maroniani” da espellere dal partito. Una controlista che a questo punto gli uomini vicini al ministro vorrebbero stilare per “far fuori” quelli di Bossi. Il congresso di Varese, con l'”acclamazione” del nuovo segretario nominato e scelto da Bossi, ha fatto esplodere tensioni finora esistenti ma rimaste più o meno sotto traccia.

Una lista di epurazione, quindi, ecco cosa avrebbero pensato gli uomini vicini a Bossi per far piazza pulita degli ammnistratori locali più recalcitranti alla linea del Senatùr. Tra questi comparirebbe, scrive La Stampa, anche il sindaco di Varese, Attilio Fontana. Disputa dagli esiti più che mai incerti: i  maroniani sono la maggioranza nel partito, nelle loro mani anche moltissimi comuni, la cosiddetta “base”.

Ora il cosiddetto “cerchio magico” (Marco Reguzzoni, Rosy Mauro e la moglie di Bossi, Manuela Marrone) vorrebbe mettere i propri uomini nei punti strategici. Così ha fatto a Varese scegliendo Maurilio Canton senza nemmeno passare per un’elezione. Così potrebbe fare molto presto per scegliere il nuovo segretario lombardo. Quel posto andrebbe a Rosy Mauro in sostituzione del maroniano Giancarlo Giorgetti. E siccome se si andasse al voto, a quanto pare, Giorgetti avrebbe molte più chance, il metodo-Varese potrebbe essere replicato. E a quel punto la disputa potrebbe assomigliare a una vera spaccatura.