Cronaca Italia

Le “mance” della Lega Nord: 800mila euro alla scuola della signora Bossi

Umberto Bossi

Ottocentomila euro di aiuti statali alla scuola Bosina di Varese. Lo scrive il Giornale in edicola questa mattina. Un generoso regalo del ministero dell’Economia concesso lo scorso 9 giugno a quella che è chiamata anche la “Scuola libera dei Popoli Padani”: un istituto scolastico che segue gli allievi dalle materne alle medie, improntando gli insegnamenti sulla cultura locale. Con un particolare: la Bosina è stata fondata nel 1998 da Manuela Marrone, “maestra di scuola elementare di lunga esperienza”, come si legge sul sito dell’istituto, ma anche moglie di Umberto Bossi.

La signora Marrone è tuttora tra i soci della cooperativa che dà vita a quest’istituto. Il presidente della scuola è Dario Galli, già senatore della Lega. Proprio la commissione Bilancio al Senato, di cui la Lega ha la vicepresidenza, ha formalizzato l’elenco di enti beneficiari dei contributi stanziati nel Fondo per la tutela dell’ambiente e la promozione dello sviluppo del territorio creato nel 2008. Un elenco lunghissimo che comprende, oltre a qualche scuola, associazioni culturali, case di riposo, comuni, fondazioni, diocesi, parrocchie, università.

Alla Bosina, in particolare, sono stati destinati trecentomila euro per il 2009 e cinquecentomila euro per il 2010, rubricati alla voce “ampliamento e ristrutturazione”.

Il provvedimento della commissione bilancio che li ha fissati ha anche un nome più popolare, “legge mancia”, perché in quel modo senatori e deputati assegnano contributi e fondi a enti o amministrazioni che hanno particolarmente a cuore, naturalmente anche a fini elettorali. Il valore totale delle “mance”, tra Senato e Camera, si aggira intorno ai 200milioni di euro.

Gli ottocentomila euro alla scuola Bosina serviranno per sostenere un progetto in cui il Carroccio crede molto; “coniugare l’insegnamento previsto dagli organismi competenti con le esigenze del tessuto sociale locale,  formare futuri cittadini integrati nella realtà storica, culturale, economica e industriale che li circonda, pronti a confrontarsi con altri modelli sociali”, come è scritto sul sito della Lega Nord.

Il tutto seguendo il metodo educativo padano, fondato sulla “progressiva scoperta del territorio” che avviene fin dalla scuola dell’infanzia, anche con racconti popolari, leggende, fiabe e filastrocche, anche in dialetto, legate alle tradizioni locali, e visite guidate sul territorio “che consentono al bambino di riconoscere da diverse angolature la propria identità”.

To Top