Lega, Silvia Cavalli è morta. Matteo Salvini su Twitter: ” Buon viaggio, leonessa”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 settembre 2018 12:54 | Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2018 12:54
Lega, Silvia Cavalli è morta. Matteo Salvini su Twitter: " Buon viaggio, leonessa"

Lega, Silvia Cavalli è morta. Matteo Salvini su Twitter: ” Buon viaggio, leonessa” (Foto da Facebook)

BRESCIA – Lutto nella Lega. E’ morta a 31 anni Silvia Cavalli, ex consigliera e giovane militante del Carroccio. Cavalli è stata stroncata da un tumore.

Commozione e sgomento all’interno della Lega. Il leader e vicepremier Matteo Salvini su Twitter ha ricordato l’ex compagna di partito: “Buon viaggio Silvia, hai combattuto come una Leonessa, da leghista, ma la malattia bastarda alla fine ha vinto. Anzi, no. Hai vinto tu, ha vinto il tuo sorriso. Un abbraccio bresciana, continua ad aiutarci da lassù, sappi che manterrò la promessa che ti ho fatto: non mollerò, mai”.

Anche la Lega di Chiari (Brescia) ha diffuso un commosso ricordo di Cavalli: “La sezione Lega di Chiari, a nome di tutti gli iscritti, militanti e simpatizzanti, partecipa con immenso dolore e profonda commozione alla prematura scomparsa della giovanissima Silvia Cavalli, condividendo in questo tragico momento il dolore incommensurabile del papà Angelo, della mamma Marilena, della sorella Annalisa, del carissimo Manuel Scarsetti e di tutti i parenti, congiunti ed amici. Ricordiamo lo spirito indomito di Silvia, il suo bellissimo sorriso e la sua coinvolgente simpatia insieme al coraggio impavido che sempre ha dimostrato specialmente nel periodo di fruttuoso impegno politico come più giovane Consigliere comunale eletto a Chiari nel secondo mandato del Sindaco Senatore Sandro Mazzatorta negli anni 2009-2014 quando ha anche svolto con autorevolezza l’incarico di Vicepresidente del Consiglio comunale. Il ricordo di Silvia possa colmare il tremendo dolore di oggi nella speranza che dal cielo ci accompagni come esempio di incrollabile forza d’animo a perseverare e a non mollare mai in ogni avversità e in tutte le difficili prove dell’esistenza umana”.

5 x 1000