Politica Italia

Legge elettorale, c’è l’accordo: premio al 37%, soglia sbarramento al 4.5%

Legge elettorale, c'è l'accordo: premio al 37%, soglia sbarramento al 4.5%

Legge elettorale, c’è l’accordo: premio al 37%, soglia sbarramento al 4.5%

ROMA – Legge elettorale, l’accordo c’è, rivede quasi tutte le cifre oggetto del contendere e arriva a pochi minuti dalla fine dei lavori della Commissione Affari Costituzionali. Secondo la nuova intesa Berlusconi-Renzi, la soglia per ottenere il premio di maggioranza al primo turno passa, come ipotizzato già nella serata di martedì, dal 35 al 37%.   Il premio di maggioranza massimo viene fissato al 15%.

In dirittura d’arrivo anche l’altro accordo, quello più delicato, relativo alle soglie di sbarramento. Arriva un “contentino” per i piccoli partiti con la soglia di accesso per i partiti coalizzati che scende dal 5 al 4.5%.

Torna anche la cosiddetta clausola “salva-Lega”, fortemente voluta da Berlusconi: i partiti che ottengono il 9% in almeno tre regioni  entrano in Parlamento. Infine una piccola vittoria anche per gli alfaniani di Nuovo centrodestra: sono state inserite le multi candidature.

L’accordo è arrivato nella mattinata del 29 gennaio dopo una serie di contatti tra Renzi e Berlusconi. Elemento decisivo, per il placet di Alfano e Scelta Civica, lo spostamento del premio di maggioranza dal 35 al 37%.

 

To Top