Legge elettorale. Fini a Schifani: “La riforma parta dalla Camera”

Pubblicato il 12 Ottobre 2010 18:00 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2010 18:45
fini

Gianfranco Fini

Il presidente della Camera Gianfranco Fini scrive a quello del Senato Renato Schifani. E’ ”opportuno che tra i due rami del Parlamento venga stabilita una intesa di metodo” sull’iter delle proposte di riforma della legge elettorale ”al fine di consentire agli organi competenti nel merito di procedere in modo ordinato all’esame della materia”, dice Fini.

”Appare opportuno che, alla luce del significativo carico di lavoro che grava attualmente sulla commissiona Affari costituzionali del Senato e coerentemente con lo spirito dell’intesa già assunta all’inizio della legislatura, la priorita’ della trattazione della materia elettorale, non limitata alla sola legge per l’elezione del Parlammento Europeo, ma comprensiva anche delle iniziative riferite alla legge elettorale nazionale, possa essere riservata alla Camera”.

Fini ricorda che nella capigruppo di Montecitorio di fine settembre era stata posta ”da piu’ parti” la questione relativa all’esame delle diverse proposte di legge di riforma della legge elettorale. Questione poi segnalata da Fini al presidente della commissione Affari Costituzionali Donato Bruno. Di fronte alla risposta di Bruno, il quale ha ricordato che in commissione Affari Costituzionali al Senato e’ stato avviato l’esame di una serie di proposte di legge di iniziativa popolare in materia al quale sono state gia’ abbinate altre proposte. A questo punto Fini ha scritto a Schifani per segnalargli la necessita’ di una intesa tra i due rami del Parlamento sull’iter della riforma.