Legge elettorale, Renzi: “Mai più inciuci e ricatti dei piccoli partiti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2014 16:54 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2014 16:54
Legge elettorale, Renzi: "Mai più inciuci e ricatti dei piccoli partiti"

Legge elettorale, Renzi: “Mai più inciuci e ricatti dei piccoli partiti”

ROMA – Matteo Renzi gongola e affida a Facebook tutta la sua soddisfazione per il nuovo accordo sulla legge elettorale raggiunto nel primo pomeriggio del 29 gennaio con Silvio Berlusconi.

 “Mai più larghe intese grazie al ballottaggio, mai più potere di ricatto dei piccoli partiti, mai più inciuci alle spalle degli elettori, mai più mega circoscrizioni. Con l’intesa sulla legge elettorale, nonostante i professionisti della critica, il passo avanti è enorme”.

Renzi, insomma, è entusiasta. Forse troppo visto che si sta parlando di un’intesa preliminare e di un testo che il suo percorso parlamentare non lo ha neppure cominciato. Il segretario Pd, però, parla di “fatti”:

 “Dopo anni di melina – aggiunge il segretario Pd- in qualche settimana si passa dalle parole ai fatti. Ma non fermiamoci qui. Adesso possiamo passare al superamento del Senato e delle Province, all’eliminazione dei rimborsi ai consiglieri regionali e alla semplificazione delle competenze. Ma soprattutto al Jobs Act, il piano per il lavoro. Stiamo semplicemente mantenendo gli impegni presi con le primarie dell’8 dicembre. Senza paura, a viso aperto”