Legittima difesa, Tiziana Favero (Pd): “Leghisti del c… ora rischiate che vi sparo a vista”

di Daniela Lauria
Pubblicato il 8 marzo 2019 11:22 | Ultimo aggiornamento: 8 marzo 2019 11:22
Legittima difesa, Tiziana Favero (Pd): "Leghisti del c... ora rischiate che vi sparo a vista"

Legittima difesa, Tiziana Favero (Pd): “Leghisti del c… ora rischiate che vi sparo a vista”

TREVISO – “Leghisti del c…, ora rischiate pure che vi sparo a vista”. Così Tiziana Favero, ex candidata sindaco di Montebelluna, che per anni ha seduto nella giunta guidata da Laura Puppato, ha manifestato su Facebook il suo dissenso per l’approvazione alla Camera della riforma sulla legittima difesa. Un post che, per ovvie ragioni, ha scatenato non poche polemiche, salvo poi farlo sparire poco dopo. 

Il messaggio, messo in rete alle 20,09 di mercoledì 6 marzo ma rimosso poche ore più tardi, si riferisce all’approvazione da parte della Camera dei Deputati della nuova legge in materia di legittima difesa e recitava testualmente: “Bene, leghisti del c…, mo rischiate pure che vi sparo a vista. Ve la siete cercata”. La legge stabilisce che la difesa è sempre legittima, se esercitata in condizioni di pericolo dalla vittima di un’aggressione, con un’arma regolarmente dichiarata. Sarà approvata definitivamente in Senato a fine mese.

All’ex assessore ha risposto in prima persona il ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha fortemente voluto la riforma: “Roba da matti – ha scritto su Instagram – Eh già, i democratici stanno a sinistra e Salvini semina odio… Amici, stanno impazzendo vuol dire che siamo sulla strada giusta”.

Un post “squallido e miserabile”, secondo la capogruppo di “Zaia presidente” in consiglio regionale del Veneto, Silvia Rizzotto, che chiede pure “che le autorità competenti indaghino a fondo”. “Non ci sono parole – ha aggiunto – se non la vergogna per questo post. Nessuno, men che meno una persona che ha già calcato le sedi istituzionali dovrebbe mai permettersi di minacciare con certi termini gli avversari politici”.

Ma per Tiziana Favero era solo “un post ironico sulla legittima difesa”. Dopo aver rimosso il messaggio, l’esponente del centrosinistra ha provato ad aggiustare il tiro: “Leghisti basta scandalizzarvi e postare ovunque il mio post ironico sulla legittima difesa!”. Per Favero, “si tratta evidentemente di una battuta goliardica”. E conclude: “Credo anche di averne scritte di più forti”.

Fonte: Ansa