Gianni Letta: “Giornate turbolente, faccio il pompiere”

Pubblicato il 25 Novembre 2010 18:21 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2010 19:17

Gianni Letta

Gianni Letta “pompiere” della crisi di governo. E’ lui stesso a definirsi tale giungendo in lieve ritardo a un convegno sui diritti d’autore nell’era di internet organizzato nell’ambito della seconda edizione del Premio Giovannini. Letta si è scusato dicendo: ”mi scuso per il ritardo, dovuto a una giornata un po’ affannosa e turbolenta come spesso accade in questi tempi”.

”Capita – ha proseguito Letta – a chi sta lì di essere una sorta di pompiere, di pronto intervento, chiamato a soccorrere un’emergenza o l’altra, continuamente sballottato di qua e di la’. Impossibilitato non solo a rispettare gli impegni, ma anche a fare cose che amerebbe fare”. Oltre a ricordare Giovanni Giovannini, nella sede romana della Fieg, ricordando il titolo del premio a lui dedicato, ‘Nostalgia di Futuro’, Letta ha affermato: ”Anch’io ho nostalgia di un futuro meno inquieto e meno incerto di quello che oggi si intravede da un colle che, essendo piu’ alto, consente di vedere un po’ meglio il futuro”.