Lettere con minacce di morte al ministro Alfano e contro il 41 bis

Pubblicato il 16 Ottobre 2010 15:04 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2010 18:11

Angelino Alfano

Due lettere con minacce di morte al ministro della Giustizia, Angelino Alfano, sono state recapitate nei giorni scorsi presso la sede del dicastero di Via Arenula. Le due missive minatorie – secondo quanto appreso dall’Ansa da fonti qualificate – conterrebbero riferimenti all’inasprimento del regime di 41 bis (il cosiddetto ‘carcere duro’) nei confronti degli esponenti della criminalita’ organizzata.

In particolare, una di queste lettere, la più lunga, conterrebbe testualmente quanto detto dal Guardasigilli lo scorso settembre in occasione del convegno del Pdl a Cortina, quando affermo’ che i boss ”stanno al carcere duro e quegli ergastoli noi non li intiepidiremo mai e moriranno la’, poveri, perche’ abbiamo anche sequestrato loro i beni”. Dell’arrivo delle due lettere minatorie e’ stata gia’ informata l’autorita’ giudiziaria.

Una delle due lettere minatorie, la piu’ grave, arrivata presso la sede del ministero della Giustizia lo scorso 7 ottobre, con minacce di morte al Guardasigilli Alfano, e’ stata trasmessa dal gabinetto del dicastero di Via Arenula alla procura di Roma. La seconda lettera – secondo quanto si e’ appreso – sarebbe arrivata invece qualche giorno prima.