Leva obbligatoria? Gasparri: si pensi alle Forze armate e di polizia

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 23 Aprile 2019 18:05 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2019 18:03

di Marilena D’Elia

Roma“Invece di parlare del ritorno alla leva che non ci sarà, si pensi alle Forze armate e di polizia, alle risorse economiche e tecnologiche, ai contratti e alle pensioni integrative.” E’ il commento del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri a proposito della possibilità di proporre la reintroduzione della leva obbligatoria .

Il tema della leva obbligatoria è stato rilanciato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini il giorno di Pasquetta nel corso di un comizio a Pinzolo, in provincia di Trento dove il 26 maggio si voterà per le elezioni europee, ma ne aveva parlato già in passato proponendola anche come mezzo per insegnare l’educazione ai ragazzi, come aveva detto in un comizio a Lesina in provincia di Foggia lo scorso agosto.

Per il senatore Gasparri sono altri invece i nodi critici da slegare e così continua

“Le assunzioni nelle forze di polizia sono poche e lungi da venire. Sul versante militare i tagli ai bilanci e le posizioni ostili hanno devastato l’industria militare. Il no ai droni ha condannato a morte la Piaggio, il no agli F35 causerà altri danni industriali. Perfino il sottosegretario leghista alla Difesa Volpi, ha parlato in pubblico malamente della ministra Trenta.I vertici militari sono disorientati, per le missioni internazionali non si varano i necessari provvedimenti di legge. Si vede del resto l’effetto di questo disastro con la nostra irrilevanza in Libia e con il dilagare del crimine in Italia Il governo sta distruggendo le forze armate e sta mettendo in ginocchio il comparto Difesa-sicurezza.”

E a proposito dell’eventualità di reintrodurre il servizio obbligatorio “magari nel Corpo degli Alpini” , il senatore forzista dice

“Conosco la voglia dell’associazione Alpini di avere un gettito costante di giovani da inserire nelle proprie preziose organizzazioni, ma non per questo sarà ripristinata la leva obbligatoria, scelta impossibile, costosa e inutile. Chi ne parla sa che non avverrà mai, dico mai. Si evocano sani valori e si dicono bugie a chi vorrebbe ogni anno ex Alpini da coinvolgere in lodevoli eventi e attività. Rispettiamo l’Associazione Nazionale Alpini, realtà benemerita, evitando di raccontare bugie”.

La leva obbligatoria venne eliminata nel 2000 ma l’iter di abolizione venne completato nel 2004, così che gli ultimi ragazzi a essere chiamati furono i nati nel 1985. Dal 2005 le Forze armate italiane sono formate da soli volontari