Leva obbligatoria non torna. Trenta: “Mancano caserme e risorse”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 gennaio 2019 9:12 | Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2019 9:12
Leva obbligatoria non torna per ora. Trenta: "Mancano caserme e risorse"

Leva obbligatoria non torna. Trenta: “Mancano caserme e risorse” (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Niente ritorno alla leva obbligatoria, almeno per ora: “Penso che sia inadeguata rispetto ai tempi che stiamo vivendo”, afferma il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, in un’intervista al Giornale. “Abbiamo un esercito di professionisti che deve restare tale – sottolinea – e non abbiamo neanche le caserme, le risorse: ma soprattutto non c’e’ la necessita’ di sostenere , al momento, una leva cosi’ come ce la ricordiamo”.

Trenta ha assicurato che nel triennio 2019-2021 sono garantite alla Difesa “almeno 1.147 assunzioni di personale civile con profilo ‘tecnico’, in linea con il piano emergenziale tracciato”. Per quanto riguarda le missioni internazionali, il ministro ha dichiarato che “saranno tutte riviste rispetto all’interesse nazionale dell’Italia. Per alcune ci sara’ un graduale disimpegno, altre saranno rafforzate, come quella in Niger che punta a ridurre i flussi migratori verso l’Italia”.

“I risultati della determinazione, quando c’e’, si vedono. Questo governo ha lavorato sodo ed e’ stato molto determinato per fare in modo che finalmente si assicurasse un terrorista all’Italia e che si desse giustizia alle famiglie delle vittime”, ha detto Trenta in merito all’arresto di Cesare Battisti dopo 37 anni di latitanza. “Sono cambiate anche le condizioni in Brasile, con il nuovo governo. Questo – aggiunge Trenta – ha dato una spinta, pero’ sicuramente noi lo abbiamo fatto con grande convinzione ed e’ giusto che finalmente Battisti, un terrorista, paghera’ nel nostro Paese per quello che ha fatto”.

5 x 1000