Linda Lanzillotta lascia l’Api: “Troppo personalistico”

Pubblicato il 2 giugno 2012 9:46 | Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2012 10:14

ROMA, 2 GIU – Linda Lanzillotta lascia l'Api. Lo annuncia la deputata, eletta con il Pd e in seguito passata alla formazione politica di Francesco Rutelli, in un'intervista al Corriere della Sera.

''E' ora di staccarmi da un partito troppo personalistico – spiega – che non risponde piu' a un progetto politico''. ''La Margherita e' stata una storia importante per la politica italiana, ma la vicenda Lusi ha dato un colpo all'immagine e alla credibilita' di quella storia'', afferma Lanzillotta che ribadisce la ''piena fiducia nell'onesta' intellettuale'' di Rutelli. Tuttavia, aggiunge, ''ritengo ci sia stata una leggerezza nell'affidare a un sistema cosi' personalistico un fiume di denaro come quello di cui stiamo scoprendo l'esistenza''.

Adesso, dichiara Lanzillotta, ''aderiro' al gruppo Misto e continuero' a fare con serieta' il parlamentare, cercando, con la mia fondazione indipendente Glocus, di lavorare a un nuovo progetto'' volto ad ''aggregare tante persone per bene, tante energie della societa' e del Parlamento che condividono la necessita' di realizzare un cambiamento morale e, in prospettiva, di creare le condizioni per proseguire l'enorme lavoro avviato dal governo Monti''.

Sulla possibilita' che Montezemolo guidi questo progetto, la deputata sottolinea che ''e' una figura importante, anche come metafora rappresenta un pezzo di Italia che vince sui mercati. Quello che non credo debba essere e' il catalizzatore di pezzi di vecchio ceto politico''. Nel nuovo movimento, aggiunge, ''vorrei tutti quelli che nel Pd, nel Pdl e nel centro hanno una visione liberaldemocratica''.