Lombardia, Liberi e Uguali dice no a Giorgio Gori: “Onorio Rosati il nostro candidato”

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 gennaio 2018 20:35 | Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2018 20:43
Lombardia-gori-rosati

Onorio Rosati, candidato LeU in Lombardia (Foto Ansa)

CINISELLO BALSAMO (MILANO) – Liberi e Uguali ha rotto gli indugi: la lista di Pietro Grasso alle elezioni regionali in Lombardia correrà da sola. Non sosterrà Giorgio Gori, l’ex manager Magnolia e Mediaset oggi sindaco di Bergamo, ma con l’ex segretario della Camera del Lavoro di Milano e consigliere regionale lombardo Onorio Rosati. Lo ha deciso l’assemblea regionale del partito, riunitosi venerdì sera, 12 gennaio.

“Siamo dalla parte giusta quando fuori da qui diremo che Liberi e Uguali presenta la sua proposta per le politiche e per le regionali. Non diremo che andremo da soli e non ci faremo dire che usciamo dal centrosinistra perché il centrosinistra non esiste senza la sinistra”, ha affermato il capogruppo alla Camera Francesco Laforgia, indicando Rosati e ricevendo la standing ovation dell’assemblea.

La squadra, ha aggiunto Laforgia, “ha bisogno di un volto e penso che per il suo impegno nella politica e nel sindacato e anche perché è una brava persona questa proposta può essere fatta da Onorio Rosati, che vorremo fosse il volto di questa operazione” in Lombardia.

Durante l’assemblea a Cinisello Balsamo (Milano) la lista del presidente del Senato ha anche stabilito di correre con un proprio simbolo: “Noi ci chiameremo ‘Liberi e uguali in Lombardia’ questo è il simbolo che è stato deciso”, hanno comunicato i vertici lombardi di LeU aprendo l’assemblea regionale che dovrà decidere la candidatura alla presidenza della Regione.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other