Politica Italia

Luigi De Fanis, nuova accusa: “Voleva uccidere la moglie””

Luigi De Fanis, nuova accusa: "Voleva uccidere la moglie”"

Luigi De Fanis, nuova accusa: “Voleva uccidere la moglie””

ROMA –  Luigi De Fanis, l’esponente del Pdl e assessore alla cultura della Regione Abruzzo travolto, come molti suoi colleghi, dallo scandalo rimborsi regionali, quello diventato famoso per il presunto contratto con la sua segretaria (fare sesso quattro volte alla settimana) torna sulle prime pagine dei giornali per un’altra inchiesta: secondo i media abruzzessi De Fanis voleva infatti anche avvelenare la moglie.

Si legge sul Centro:

La nuova inchiesta, partita dopo che il fascicolo è stato trasferito per competenza alla procura di Lanciano, si basa su un’affermazione dell’ex segretaria, Lucia Zingariello: “De Fanis mi ha detto che voleva avvelenare la moglie”. Gli inquirenti hanno ascoltato la moglie di De Fanis due volte per verificare questa nuova ipotesi di reato.

Ma la nuova inchiesta non sembra preoccupare i difensori del politico. Anzi, per il legali sarebbe la conferma della tendenza all’esagerazione di De Fanis durante gli incontri clandestini con la Zingariello. In pratica sarebbero delle frasi scherzose. La stessa tesi usata per giustificare il presunto contratto d’amore, una sorta di scrittura privata che disciplinava il numero dei rapporti sessuali che dovevano esserci tra i due in cambio di 36 mila euro .

To Top