Luigi de Magistris no vax. Medici contro il convegno: “Scioccante”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 novembre 2017 11:12 | Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2017 11:12
luigi-de-magistris-no-vax

Luigi de Magistris no vax. Medici contro il convegno: “Scioccante”

ROMA – Luigi de Magistris no vax. Medici contro il convegno: “Scioccante”. La notizia non è l’ennesimo convegno no vax dei contrari alle vaccinazioni obbligatorie, in fondo vige la libertà di espressione, la notizia è che su quello di Napoli del 14 novembre c’è il cappello del Comune, il patrocinio del sindaco, come dire un avallo istituzionale a un simposio privo delle credenziali minime di scientificità e serietà deontologica.

Tanto è vero che l’Ordine dei Medici si è detto choccato. E non può cavarsela il sindaco Luigi de Magistris con un generico appello “a non aver paura del confronto”, mettendo sullo stesso piano scienziati e praticoni (un medico radiato cos’è?), vanificando gli sforzi di tutte le altre istituzioni, dalla Presidenza della Repubblica alla Regione e giù fino all’ultimo presidio medico, per garantire una copertura vaccinale adeguata, per contrastare la diffusione di informazioni scorrette quando non palesemente false.

Il convegno no vax a Napoli. L’Ordine dei Medici di Napoli e Provincia prende le distanze dal convegno in programma martedì 14 novembre nella Sala del Consiglio Metropolitano di Santa Maria La Nova a Napoli.

“La locandina del convegno – si spiega in una nota dell’Ordine – porta come titolo ‘Nuovi obblighi e libertà di scelta. Vaccini, Salute, Scuola e Costituzione’ e vi campeggia anche il logo del Comune di Napoli. Tra i partecipanti annunciati: il sindaco Luigi de Magistris, l’assessore Roberta Gaeta e l’assessore Annamaria Palmieri, oltre a Dario Miedico, quest’ultimo radiato dall’Ordine dei Medici di Milano per le sue idee contrarie all’impiego dei vaccini antinfluenzali che sono contrarie a tutto ciò che la professione medica deve rappresentare. In merito a questo convegno, il presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli fa sapere che l’Ordine non ha mai ricevuto alcun invito a prendere parte alla manifestazione, né tanto meno desidera riceverlo”.

“Informazioni scorrette e pericolose per la salute”. “La presenza del presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli – prosegue la nota – o di qualsivoglia rappresentanza della categoria ad un appuntamento che si prefigura dannoso e privo di qualsiasi valenza scientifica, vista la partecipazione di soggetti da cui la categoria professionale dei medici ha già preso le distanze, non potrebbe che essere volta a stigmatizzare la diffusione di informazioni scorrette e pericolose per la salute pubblica”.

Sono scioccato – dice Silvestro Scotti – nel verificare una così forte partecipazione del Comune di Napoli ad un appuntamento dequalificante e fuorviante come questo. E’ gravissimo che il Comune di Napoli abbia concesso il patrocinio ad un evento dichiaratamente No Vax, che abbia confermato la presenza del sindaco e di due suoi assessori con deleghe al Welfare e all’Istruzione, e che abbia messo in programma di ospitare l’evento nella Sala del Consiglio Metropolitano. Più grave di tutto questo, se possibile, è l’aver accomunato l’immagine del Comune ad un convegno nel quale viene invitato a parlare di vaccini un laureato in medicina, radiato dall’Ordine per le sue idee antiscientifiche. Sottolineiamo inoltre che un evento del genere fatto durante la campagna di vaccinazione antinfluenzale rischia di passare messaggi antivaccini che avrebbero effetto sull’esitazione alla pratica vaccinale con effetti su aumento della mortalità e complicanze da influenza su soggetti anziani o fragili per patologie croniche. Attendiamo di conoscere i motivi di una decisione simile e speriamo vivamente che il Comune di Napoli intenda fare un deciso passo indietro e che piuttosto si unisca allo sforzo della Regione, delle aziende sanitarie, dello stesso Ordine di Medici ma soprattutto dei professionisti della sanità nel’aumentare le coperture vaccinali”.