Politica Italia

Luigi Di Maio da Fabio Fazio: “Puntiamo al 40% e gli rompiamo la legge elettorale”

luigi-di-maio-fabio-fazio

Luigi Di Maio da Fabio Fazio: “Puntiamo al 40% e gli rompiamo la legge elettorale”

ROMA – “Se la sera delle elezioni saremo la prima forza politica ma non ci sarà la maggioranza diremo a tutti: non chiedeteci poltrone ma vediamo i temi. Se c’è convergenza sui temi si va dal presidente della Repubblica per fare il governo. Attualmente noi miriamo al 40 per cento, se non dovesse essere così cercheremo sui temi i presupposti”. Lo ha detto Luigi Di Maio, ospite di Fabio Fazio a ‘Che Tempo che fa’, rispondendo alla domanda su possibili alleanze dopo il voto del M5S.

“Hanno provato – ha aggiunto Di Maio – a fare una legge per creare un voto trabocchetto e questo dimostra la spudoratezza di questa classe politica ma noi, sono certo, possiamo rasentare il 40 per cento e gli rompiamo il giochetto della legge elettorale”.

Il candidato premier del Movimento Cinque Stelle ha poi motivato il suo dietrofront a partecipare alla trasmissione Di Martedì insieme a Matteo Renzi, dopo che lui stesso aveva chiesto un incontro: “Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato la prospettiva. Volevo avviare la campagna elettorale con il candidato di centrosinistra. Ma non credevo andasse così male. E che il Partito Democratico e tutta l’ala di sinistra non lo riconoscesse più come leader. Non potevo legittimarlo io”.

Illustrando la missione che lo vedrà per tre giorni a Washington, DI Maio spiega che avrà vari incontri sia al dipartimento di Stato sia al congresso. “Voglio andare a raccontare che cose è il primo movimento in Europa, siamo stati demonizzati in questi anni e si è pensato che siamo un pericolo mentre io voglio raccontare chi siamo, che cosa vogliamo fare. E poi voglio andare a vedere imprese nate da finanziamenti pubblici come Tesla perché è ora che anche in Italia si investa nell’impresa”.

To Top