Luigi Di Maio finalmente si pente e ammette: “Sull’impeachment a Mattarella sbagliai”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 luglio 2018 10:14 | Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2018 10:14
Luigi Di Maio finalmente si pente e ammette: "Sull'impeachment a Mattarella sbagliai"

Luigi Di Maio finalmente si pente e ammette: “Sull’impeachment a Mattarella sbagliai”

ROMA – Quando a fine maggio il presidente Mattarella bloccò la nomina di Paolo Savona a ministro dell’Economia proposta dalla coalizione appena nata M5S-Lega, Luigi Di Maio ingaggiò un durissimo quanto effimero scontro istituzionale, arrivando a chiedere l’impeachment, cioè la messa in stato d’accusa del presidente in vista della sua rimozione. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] A qualche mese di distanza Di Maio ha ammesso che fu un errore.

Finalmente, viene da dire, vista l’infondatezza della richiesta, essendo stata la decisione di Mattarella magari discutibile o impopolare ma sicuramente parte delle sue prerogative presidenziali: quando mai il Capo dello Stato ha attentato alla Costituzione, quando mai si è macchiato di alto tradimento? Queste infatti sono le uniche condizioni che secondo l’articolo 90 della carta fondamentale possono motivare la richiesta di una messa sott’accusa.

“Sicuramente quello è stato un momento di grande rabbia, però ho imparato in questi anni che quando si prende una strada sbagliata c’è sempre tempo per tornare indietro e fare la cosa giusta, grazie a quel cambio di idea è nato un Governo che credo qualcosa di buono lo stia facendo”. Così il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio a Montemarcello a ‘Liguria d’Autore’ commenta il suo dietrofront alla richiesta di impeachment verso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.