Politica Italia

Affitti d’oro, tempi di recesso dimezzati. M5S: “Porcata con trucco”

Affitti d'oro, tempi di recesso dimezzati. M5S: "Porcata con trucco"

Affitti d’oro, tempi di recesso dimezzati. M5S: “Porcata con trucco”

ROMA – Affitti d’oro, tempi di recesso dimezzati. M5S: “Porcata con trucco”. La promessa del Governo di porre fine alla querelle sugli affitti d’oro della pubblica amministrazione non sembra essere stata mantenuta. Nel decreto milleproroghe c’è scritto che il recesso nei casi in cui l’affitto sia troppo oneroso o non più conveniente è ammesso. Ma, come conferma un tweet del Governo, “il decreto prevede 6 mesi da 1 gennaio 2014 per disdire. Da quel giorno scattano 6 mesi entro cui rilasciare immobile”.

L’ennesima “porcata”, denuncia il Movimento 5 Stelle che aveva sollevato la questione e per primo aveva presentato un emendamento ad hoc, prima tagliato e poi riammesso dopo che il Capo dello Stato aveva rigettato il decreto salva Roma. Alla telenovela si aggiunge quindi in extremis il dimezzamento dei tempi di recesso (un anno era previsto dai grillini) con “trucco” finale.

L’articolo 2 del provvedimento prevede che si possa rinunciare alle locazioni degli immobili entro il 30 giugno 2014 ma con un preavviso di 180 giorni. Il recesso, quindi, dev ‘essere chiesto entro 6 mesi, ma bisogna dare un preavviso di 6 mesi per poterlo esercitare: i due termini coincidono, facendo così saltare i tempi tecnici per il recesso. Il milleproroghe è un decreto con il trucco che scredita completamente questo Governo di incapaci, continuando a favorire le cricche che incassano milioni di euro a spese dei cittadini. (nota diffusa dal gruppo M5s della Camera che fa riferimento ad un post del portavoce Riccardo Fraccaro)

Il Governo si difende sprezzante: “Chi definisce truffaldina norma su affittidoro contenuta nel decreto del 27/12, ammesso che sia in buona fede, non capisce quel che legge”, è la replica via tweet alle accuse M5S. Secondo Sergio Rizzo del Corriere della Sera, sia giusto o sbagliato accreditare una volontà truffaldina al Governo, ciò non toglie che al posto

di questo improbabile slalom fra decreti, scadenze e deroghe, ci permettiamo di suggerire due righe: “I contratti d’affitto di immobili stipulati con la pubblica amministrazione privi di clausola di recesso sono nulli”. (Sergio Rizzo, Corriere della Sera)

To Top