M5s, Luigi Di Maio si dimette da capo politico. “Ho delle cose importanti da dirvi”. Quali saranno?

di Daniela Lauria
Pubblicato il 22 Gennaio 2020 12:38 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2020 13:12
M5s, Luigi Di Maio si dimette da capo politico. Ipotesi Vito Crimi reggente

Luigi Di Maio (Foto Ansa)

ROMA – Luigi Di Maio lascia la guida del Movimento 5 Stelle. Il ministro degli Esteri ha già comunicato la sua decisione in una riunione con i ministri M5s convocati a Palazzo Chigi. L’annuncio ufficiale è previsto invece alle 17 in occasione della presentazione dei facilitatori regionali, al Tempio di Adriano.

A fissare l’appuntamento via Facebook è stato lo stesso Di Maio: “Oggi pomeriggio alle 17.00 sarò a Roma insieme a tutti i facilitatori regionali. Mi collegherò in diretta perché ho delle cose importanti di cui parlarvi…Vi aspetto. A più tardi. Forza!”. Chissà quali saranno queste cose importanti che Di Maio ha da raccontare. Sicuramente motiverà la sua decisione, ma di importante, detta così come la dice lui, cosa c’è? Forse spiegherà perché in molti stanno lasciando il Movimento?

Sta di fatto che a 4 giorni dal voto in Emilia Romagna e Calabria, e dopo 31 addii di parlamentari, le dimissioni del capo politico sono il prezzo della crisi profonda in cui versa il Movimento. Un modo, forse, anche per non assumersi da solo la responsabilità di una nuova débâcle elettorale. Anche perché la scelta di correre in solitaria è stata decisa dagli iscritti su Rousseau contro il suo parere.

Cresce intanto, in queste ore, l’ipotesi di affidare la reggenza del M5S a Vito Crimi, in vista degli Stati generali previsti nella metà di marzo.

Fonte: Ansa