M5S, negato l’accesso al Sum di Ivrea al giornalista della Stampa Jacopo Iacoboni: “Persona non gradita”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 aprile 2018 16:36 | Ultimo aggiornamento: 7 aprile 2018 16:37
Luigi Di Maio (foto Ansa)

Luigi Di Maio (foto Ansa)

IVREA – All’inviato de “La Stampa”, Jacopo Iacoboni, è stato negato l’ingresso aall’officina H, la palazzina del complesso Ex Olivetti di Ivrea dove si svolge l’evento organizzato dalla Casaleggio.

Iacoboni, che ha anche scritto un libro molto critico sulla genesi del Movimento 5 Stelle (“L’esperimento”), è stato rimbalzato all’ingresso. “Abbiamo l’ordine di non farla entrare”, è stato detto al giornalista dagli addetti alla sicurezza. L’organizzazione si è difesa sostenendo che Iacoboni non era stato accreditato alla manifestazione.

Il direttore, Maurizio Molinari, si è sentito rispondere che il suo inviato non è persona gradita e dunque sarebbe rimasto alla porta. Il quotidiano torinese ha confermato questa versione dei fatti in un comunicato. “È inaccettabile – si legge nel testo – che a un giornalista, e alla testata che rappresenta, venga impedito di fare il proprio lavoro perché si dissente da ciò che ha scritto. Ed è incomprensibile che ciò avvenga ad opera di una forza politica impegnata nella formazione del prossimo governo e che si fa interprete della necessità del dialogo in una fase politica tanto delicata. Chi lavora per guidare il Paese non deve temere opinioni dissenzienti, anche le più urticanti: è qui che si misura la maturità di un movimento politico”.