M5S Sicilia, Restitution Day: 15 deputati grillini restituiscono lo stipendio

Pubblicato il 9 Gennaio 2013 9:10 | Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio 2013 9:15
M5S Sicilia, Restitution Day: 15 deputati grillini restituiscono stipendio

M5S Sicilia, Restitution Day: 15 deputati grillini restituiscono stipendio

PALERMO – Il 9 gennaio in Sicilia è il “Restitution Day”: i 15 deputati regionali del Movimento Cinque Stelle dell’Assemblea regionale Sicilia sono pronti a restituire il 70% dello stipendio, conservando per sé un netto che va dai 2.500 ai 3 mila euro. Sono già pronti i bonifici alla tesoreria dell’Ars relativamente alle retribuzioni del mese di dicembre. Le risorse confluiranno in un fondo per il microcredito “reimmettendo in circolo più di un milione di euro all’anno”. Parola di Linda Valcheri, titolare dell’assessorato alle Politiche Produttive, al quale sarà demandata la gestione dei fondi.

Una provocazione che mantiene fede agli impegni presi in campagna elettorale, ma anche una rivoluzione all’interno di Palazzo dei Normanni, troppe volte additato come il “tempio degli sprechi”. Il capogruppo Giancarlo Cancelleri ha detto:  “Io personalmente ho restituito circa 8 mila degli 11 mila euro che ho ricevuto a dicembre”. I fondi al momento saranno accantonati dall’amministrazione e non appena diventerà legge la norma inserita nella finanziaria, approvata entro aprile, le risorse confluiranno nel fondo.

Il fondo nasce per aiutare i giovani, per sostenere progetti di lavoro, artigiani e creativi, nel commercio e nel turismo, con incentivi da 5, 10 mila euro o anche di più.

Fino a quando non sarà operativo il fondo per il microcredito, i deputati grillini ogni mese verseranno una quota degli emolumenti all’amministrazione, facendosi comunque carico della maggiore tassazione. Ma l’intento, spiega Cancelleri, è che “l’Ars ci accrediti solo la somma che intendiamo trattenere senza dover incassare l’intero emolumento per poi riconsegnarlo”.

La norma sul fondo per il microcredito, prosegue il capogruppo M5S, “è stata inserita nella legge di stabilità dal governo Crocetta che è stato sensibile alle nostre sollecitazioni”.

Se non altro con l’iniziativa, “costringeranno” gli altri 75 deputati regionali a porsi il problema di un eventuale partecipazione ai sacrifici. “Speriamo che altri rinuncino a parte della retribuzione“, dice Cancelleri.

”Ovviamente, noi vigileremo affinché le somme versate sul fondo siano utilizzate per il sostegno alle piccole imprese” afferma il portavoce dei Cinque Stelle. Il 9 gennaio in conferenza stampa, il gruppo dei grillini presenterà in dettaglio le somme restituite da ogni singolo parlamentare, cifre che si differenziano in base agli incarichi che i deputati ricoprono nelle commissioni e nell’ufficio di presidenza.