M5S Veneto scompare: nemmeno un grillino all’Assemblea. I tre che governano a Roma sotto il 20%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Settembre 2020 13:03 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2020 13:03
M5S Veneto scompare dal Consiglio Regionale

M5S Veneto, nemmeno un rappresentante all’Assemblea Regionale (Ansa)

E’ un consiglio regionale a due poli quello che esce dalle elezioni in Veneto. I tre partiti che governano a Roma non raggiungono il 20%, uno è scomparso.

Il Movimento Cinque Stelle del candidato Enrico Cappelletti non c’è più, la lista M5S in Veneto non è infatti riuscita a ottenere nemmeno un consigliere ed esce di scena.

M5S Veneto, nemmeno un consigliere regionale a Venezia

M5S in Veneto scompare al consiglio regionale di Venezia. La lista non ha superato la soglia di sbarramento del 3% fermandosi al 2,69%. A rendere pubblica la simulazione è oggi l’Osservatorio elettorale del Consiglio regionale veneto, pubblicata a scrutinio ormai concluso.

Complessivamente, la coalizione di centrodestra si aggiudica 41 dei 49 seggi disponibili, e 8 vanno a quella di centrosinistra.

Veneto, la distribuzione dei seggi

La lista Zaia ha 24 seggi, la Lega 9, Fdi 5, Fi 2 e Veneta Autonomia uno; 6 seggi vanno al Pd, e uno ciascuno alle liste veneto che vogliamo ed Europa Verde.

A questi si aggiungono i seggi di diritto al presidente eletto Luca Zaia e al secondo, Arturo Lorenzoni.

Rispetto alla precedente consiliatura, le donne raddoppiano la presenza passando da 10 a 18. La prima seduta, dopo la trasmissione dei dati alla Corte d’Appello e la proclamazione ufficiale degli eletti, potrebbe avvenire intorno al 10 ottobre.

Tre partiti di Governo non raggiungono il 20%

Il Veneto si conferma la regione politicamente più distante dalla coalizione di Governo: messo insieme il risultato delle Regionali di Pd, M5S e Italia Viva non raggiunge il 20%.

In termini assoluti – mancano solo 5 delle 4.751 sezioni – si tratta di 312.00 voti. La sola Lista Zaia ne ha conquistati 915.000.

Dopo Zaia e la Lega il Pd resta il terzo partito – di poco davanti a Fdi – ma ottiene il peggior risultato di sempre , intorno al 12%.

I 5 Stelle, che falliscono l’obiettivo dell’ingresso in Consiglio, si fermano al 2,7%, sotto la soglia di sbarramento. Italia Viva, che in Veneto non si era alleata con i Dem, ha ottenuto lo 0,6%, circa 12.500 voti. (fonti Ansa e Agi)