Mafia, Castelli: “Contatti con i boss? La Lega combatte la ‘ndrangheta da sempre”

Pubblicato il 3 Dicembre 2010 9:39 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2010 13:36

Roberto Castelli

”Ho combattuto la ‘ndrangheta per tutta la vita, la Lega combatte la ‘ndrangheta da sempre, dagli anni in cui gli altri, tutti gli altri, dormivano e non si accorgevano del potere crescente dei boss trapiantati al Nord”. Così, intervistato dal Giornale, il viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli commenta le dichiarazioni del pentito Giuseppe Di Bella contenute nel libro ‘Metastasi’ di Nuzzi e Antonelli su un esponente leghista che avrebbe fatto accordi con il clan Coco Trovato a Lecco nel 1990.

”Coco Trovato – afferma l’ex guardasigilli leghista – era il don Rodrigo di Lecco, un personaggio tutto in ombra”. E poi aggiunge: ”Si fa riferimento a me? Lo dicano chiaramente”.

Il ”regno” di Coco Trovato, sottolinea il senatore del Carroccio, ”finì nel ’92, quando la Lega si impadronì di Lecco e sindaco diventò Pogliani”. Trovato ”fu sepolto al 41 bis” e ”il ministro che ha stabilizzato il 41 bis sono io”.

[gmap]