Mafia, proposta Pdl: “Condanna dimezzata per concorso esterno”

Pubblicato il 21 Maggio 2013 12:25 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2013 12:42

Marcello Dell’Utri (Foto Lapresse)

ROMA – Condanna dimezzata per concorso esterno in associazione mafiosa. Niente carcere e intercettazioni per chi svolge attività sotterranea di supporto ai componenti dell’associazione mafiosa. Si dovrà dimostrare che c’è un profitto. Lo prevede il testo Pdl appena assegnato in commissione Giustizia del Senato, relatore Giacomo Caliendo.

Una proposta che, in prima battuta, darebbe sollievo a Marcello Dell’Utri, condannato in appello di recente proprio per concorso esterno. Stesso reato del quale è imputato anche Nicola Cosentino, ex parlamentare Pdl non rieletto, attualmente in carcere a Secondigliano in attesa di giudizio.