Maltempo in Veneto, Zaia: “Tratterremo l’Irpef solo se il governo non ci aiuta”

Pubblicato il 9 Novembre 2010 17:53 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2010 19:55

Luca Zaia

”Sono estremamente convinto che il Governo farà la sua parte”. Così il governatore del Veneto Luca Zaia, parlando con l’ANSA, affronta il tema delle risorse per far fronte all’alluvione che ha colpito la regione.

”La proposta si trattenere qui l’Irpef? Non è una minaccia – prosegue Zaia – sarebbe una necessità nel caso in cui dal Governo non arrivassero i soldi, ma so che non sarà così”.

Il governatore leghista, dopo l’incontro di oggi in Veneto con il premier Silvio Berlusconi e il ministro Umberto Bossi, ha confermato che l’ipotesi di impegno finanziaria sulla quale si sta ragionando per riparare i danni dell’alluvione è intorno al miliardo di euro, così suddiviso: ”Una quota a parte, che quantificheremo in modo puntuale – spiega Zaia – riguarda i danni patiti dai cittadini. Il secondo capitolo è relativo al ripristino delle opere idrauliche distrutte dall’alluvione. Infine, il terzo, sono tutte le opere ex novo per la messa in sicurezza del territorio, dalle casse di espansione, ai canali scolmatori, agli sbancamenti”.

Quanto all’intervento finanziario diretto del Governo, Zaia ha confermato che domattina a Roma si incontrerà con il ministro Tremonti e con il sottosegretario Bertolaso per discutere ”con serenità” le risorse per il Veneto che saranno inserite in Finanziaria. ”Non voglio parlare di cifre – ha concluso Zaia – ma so che di fronte abbiamo un governo disponibile”.