Manovra, contributo del 3% sopra i 300 mila euro. Lo pagheranno in 34 mila

Pubblicato il 6 Settembre 2011 16:38 | Ultimo aggiornamento: 6 Settembre 2011 21:02

ROMA – Arriva un contributo del 3% sopra i 300mila euro. E’ stato deciso così nel vertice di maggioranza sulla manovra. Il provvedimento resterà fino al pareggio di bilancio, ossia, nelle intenzioni del governo, nel 2013. Inizialmente era stato previsto un tetto di 500 mila euro, poi il Consiglio dei Ministri ha deciso di abbassare il limite.

Si tratta di un “mini prelievo”, visto che nelle prime versioni della manovra il contributo di solidarietà era stato pensato al 5% per i redditi oltre i 90 mila euro e al 10% per i redditi oltre i 150 mila euro.

La platea dei contribuenti interessati sale cosi’ dagli oltre 11.000 previsti inizialmente a 34.000.

Il ”contributo” interessera’ tutti, ivi compresi i lavoratori pubblici gia’ colpiti, dalla norma dello scorso anno, dal prelievo del 5 per cento sulla parte di stipendio eccedente i 90.000 euro e del 10 per cento oltre i 150.000 euro. Ma si calcola che solo una piccola quota (attorno al 5-10%) e’ rappresentata dai ”travet”. Nel loro caso interessera’ la parte eccedente del reddito che risulta dopo l’applicazione del taglio del 5 per cento oltre i 90.000 euro e del 10 per cento oltre i 150.000 euro.