Manovra, fiducia nella notte tra le proteste. Pd: “Ricorso in Corte Costituzionale”

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 dicembre 2018 8:27 | Ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2018 19:04
Manovra, fiducia nella notte tra le proteste. Pd: "Ricorso in Corte Costituzionale"

Manovra, fiducia nella notte tra le proteste. Pd: “Ricorso in Corte Costituzionale” (Foto Ansa)

ROMA – L’Aula del Senato ha dato il via libera con 163 sì, 68 no e due astenuti alla manovra, che ora dovrà tornare alla Camera dei Deputati per l’approvazione definitiva. Dopo l’ennesima giornata al cardiopalma il Senato ha approvato la manovra, che dovrà tornare alla Camera per il via libero definitivo il 28 o il 29 dicembre, a poche ore dall’incubo dell’esercizio provvisorio.

Nella notte il governo ha incassato la fiducia sul maxiemendamento che recepisce l’intesa con l’Europa, ma le opposizioni hanno battagliato fino all’ultimo, abbandonando la commissione Bilancio e manifestando il loro dissenso in Aula, e il Pd ha annunciato il ricorso alla Corte Costituzionale perché, lamenta, ai senatori non è stato consentito di procedere a un solo voto sul testo.

L’ultimo miglio è stato anche il più lungo. L’avvio della discussione generale, prevista per le 14, è slittato alle 20:30. La tensione è salita in commissione Bilancio quando il governo ha annunciato la necessità di modificare il testo presentato per correggere degli errori formali e per stralciare alcune norme per motivi di copertura. Una decisione che ha suscitato la reazione dell’opposizione. Forza Italia ha lasciato la commissione prima del voto sulla modifica del testo, il Partito democratico ha chiesto le dimissioni del presidente della commissione, Daniele Pesco, Leu e FdI non hanno partecipato al voto. 

Più tardi, quando, dopo l’ennesima capigruppo, il testo è finalmente giunto in Aula, si è sfiorata la rissa allorché i senatori dem si sono avvicinati ai banchi del governo. Sono volate alcune copie del maxiemendamento e Simona Malpezzi, del Pd, ha accusato la senatrice questore Laura Bottici (M5s) di averle “messo le mani addosso”. Per calmare gli animi il presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sospeso per alcuni minuti la seduta. Alla ripresa, finalmente, è iniziato l’iter che ha portato all’approvazione del testo.

Nella versione finale del provvedimento sono confermate alcune delle misure principali ma arrivano anche delle novità. A partire dalla sforbiciata al fondo per gli investimenti che passa dai 9 miliardi in tre anni inizialmente previsti a 3,6 miliardi. Per il 2019 il fondo scende a 740 milioni di euro (contro i 2.750 precedenti), nel 2020 a 1.260 milioni (da 3.000 milioni) e nel 2021 a 1.600 (da 3.300). Il governo assicura però che non ci sarà alcun “taglio agli investimenti. Nel passaggio al Senato, le risorse destinate nel prossimo triennio agli investimenti restano invariate, per un valore complessivo di circa 15 miliardi”. Confermato il blocco delle assunzioni fino al 15 novembre 2019 per la Presidenza del Consiglio, i ministeri, gli enti pubblici non economici e le agenzie fiscali, mentre per le università è posticipato al primo dicembre, con l’eccezione dei ricercatori a contratto che potranno essere assunti come professori nel corso del 2019. Saltano dal testo le norme sugli Ncc ma il governo ha varato un decreto ad hoc per affrontare la crisi del settore che introduce una nuova regolamentazione. 

La nuova versione della manovra ha suscitato i dubbi dell’Ufficio parlamentare di bilancio: la nuova stima di crescita del Pil all’1% per il 2019 (a fronte dell’1,5% precedente) è ora “plausibile, pur presentando non trascurabili rischi di revisione al ribasso”. E i rischi “risultano amplificati se si considerano le previsioni per il 2020 e 2021”. L’Upb mette in guardia anche sui saldi: senza gli aumenti dell’Iva previsti nelle nuove clausole di salvaguardia, il deficit italiano nel 2020 e nel 2021 arriverà alla soglia limite del 3% “con evidenti rischi sulla sostenibilità futura della finanza pubblica”.  

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev