Manovra. Formigoni: "Pdl stia attento, così perdiamo la nostra identità"

Pubblicato il 15 Agosto 2011 18:17 | Ultimo aggiornamento: 15 Agosto 2011 18:17

MILANO – ''Mi rivolgo al Pdl, il mio partito, dicendo che ci sono nella manovra due punti da modificare completamente e a tutti i costi perche' contraddicono l'identita' stessa del Popolo delle liberta''. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, parlando della manovra.

''Il primo punto – ha spiegato – sono le tasse, cioe' le mani nelle tasche degli italiani; il secondo la scure su regioni e comuni. Ricordo che nelle tre manovre fatte dal luglio del 2010 ad oggi i tagli inflitti a regioni e comuni sono il triplo di quelli inflitti dal governo a se' stesso. Questi due punti contraddicono l'identita' del Pdl perche' descrivano un Popolo delle liberta' che centralizza e statalizza''.

L'aumento delle tasse e i tagli a regioni e comuni,secondo Formigoni contraddicono la stessa identita' del Pdl: ''Non possiamo perdere la nostra identita'. Dopo 20 anni di storia che cosa ci rimarrebbe? Occorre mettere in moto da subito un piano di privatizzazioni, di vendite e dismissioni degli asset dello stato a partire dalla Rai, dalle poste e dal vastissimo patrimonio di partecipazioni statali che ancora ci sono''.

''Ricordo – ha concluso – che questi temi sono da tempo iscritti all'ordine del giorno del nostro programma ed e' ora di mettere in modo subito un piano di dismissioni. Ci vorra' il suo tempo, ne sono consapevole, ma bisogna farlo perche' altrimenti non saremmo credibili di fronte ai nostri elettori e all'opinione pubblica''.