Manovra, il Pd: “Soldi per l’alluvione alla Basilicata ma non alle Marche”

Pubblicato il 8 Settembre 2011 12:42 | Ultimo aggiornamento: 8 Settembre 2011 12:58

ANCONA, 8 SET – Niente soldi per l’alluvione del marzo scorso alle Marche, bypassate dalla Basilicata.

”Con un emendamento alla manovra anticrisi introdotto di straforo al Senato – denuncia il deputato del Pd Massimo Vannucci, che preannuncia un appello al Capo dello Stato – vengono destinati 7 milioni di euro alla regione Basilicata per la calamità del febbraio-marzo scorsi. Una beffa: si richiama infatti il decreto del 10 marzo 2011 del presidente del Consiglio con il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza per le Marche e la Basilicata; le Marche però non vengono finanziate”.

”Fra l’altro – sottolinea – nelle Marche sono stati certificati danni per circa 500 milioni di euro, cinque volte più alti di quelli lucani”. Prima della sospensione estiva, la Camera aveva approvato all’unanimità una mozione che individuava un percorso comune per tutte le calamità, per il ripristino delle infrastrutture e gli indennizzi alle imprese e alle famiglie.

Il voto del Senato dunque è anche ”uno schiaffo alla Camera, oltre che alle altre regioni”. Il Pd, ricorda Vannucci, aveva proposto una deroga al patto di stabilità per gli enti colpiti, ”così che si potessero utilizzare i fondi bloccati e rifondere le spese sostenute per far fronte alle emergenze”. ”Riproporremo il tema alla Camera e ci appelleremo al presidente della Repubblica affinché questa parzialità venga fermata. Il ministro dell’Economia – conclude – dovrà sterilizzare la norma fino alla decisione generale sul tema delle calamità, per ovviare al blocco dell’operatività della protezione civile determinato dalla legge Milleproroghe”.