Sorgi sulla Stampa: “B. torna in campo e scompiglia le fila del Pd”

Pubblicato il 2 Marzo 2012 12:56 | Ultimo aggiornamento: 2 Marzo 2012 12:58

ROMA – Silvio Berlusconi è riuscito nuovamente a mettere scompiglio tra le fila del Pd. “Il Cavaliere, con congruo anticipo, conferma che non ha intenzione di farsi da parte e punta a mettere in imbarazzo il Pd” è il commento di Marcello Sorgi sul quotidiano La Stampa. Con la formula della larga coalizione di Pdl, Pd e Terzo polo che potrebbe rafforzare il governo Monti nel 2013 permettendogli di continuare il suo mandato con l’ingresso nel governo di ministri politici dei tre partiti, ha lasciato tutti un po’ sorpresi.

Mossa del tutto imprevista, secondo l’editorialista della Stampa, visto che Berlusconi aveva annunciato di volersi tenere alla larga dalla campagna elettorale per le amministrative, non volendo mettere la faccia sulla probabile sconfitta. “E tuttavia logica – prosegue – visto che salta del tutto l’appuntamento con le urne di maggio, per proiettarsi direttamente sulla partita grossa delle politiche dell’anno venturo, a cui tutti i partiti guardano con l’intenzione di chiudere insieme la parentesi del governo tecnico e la lunga epoca berlusconiana”.

Le ipotesi di Sorgi su cosa abbia spinto Berlusconi a questa inattesa uscita sono due:

“Una, più probabile, che l’abbia fatta proprio per mettere in difficoltà il Pd. L’altra, da non scartare, che abbia capito che il Pd non può vivere senza il suo innato antiberlusconismo e abbia provato di conseguenza a stuzzicarlo. Nell’un caso o nell’altro, Berlusconi è riuscito a scaldare una campagna elettorale fin qui addormentata dalla «cura Monti» e dalla rottura delle due coalizioni che si trovano simmetricamente metà al governo e metà all’opposizione”.