Maria Elena Boschi, Michaela Biancofiore accusa: “Vincerò io nella mia terra, Boschi non la conosce”

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 gennaio 2018 22:28 | Ultimo aggiornamento: 30 gennaio 2018 22:28
Scontro in Alto Adige tra Boschi e Biancofiore

Maria Elena Boschi (Foto Ansa)

BOLZANO – Scontro tra Maria Elena Boschi e Michaela Biancofiore in Trentino-Alto Adige. La deputata di Forza Italia rivendica le sue radici altoatesine, lanciando il guanto di sfida alla sua rivale all’uninominale a Bolzano.

“Voglio vincere nella mia terra, con la quale ho un legame fortissimo e che anche Berlusconi conosce benissimo, di certo meglio della Boschi. Io difenderò sempre l’autonomia, quella vera però e non quella autoreferenziale del Pd e della Svp”, sottolinea la coordinatrice regionale di Forza Italia.

La stampa ha già battezzato “B&B” il duello altoatesino tra Boschi e Biancofiore alle elezioni del 4 marzo. Nel combattuto collegio di Bolzano-Bassa atesina sarà decisivo il voto tedesco. Nonostante l’accordo Pd-Svp, Biancofiore spera in una “svolta nel mondo di lingua tedesca, grazie al nostra programma che prevede la flat tax e pensioni più dignitose”.

La deputata si dice “profondamente delusa da Renzi e dalla Boschi, la prima Leopolda e i rottamatori sono ormai un ricordo lontano. Renzi si candida per il Senato che voleva abolire e Boschi si ripresenta nonostante la sonora sconfitta al referendum”.

Tra le possibili alternative a Boschi e Biancofiore c’è Norbert Lantschner, candidato verde sudtirolese di Liberi e Uguali. I Verdi altoatesini non si sono alleati con Renzi, ma con Grasso. L’esperto ambientale ed ex funzionario provinciale, che alle comunali di Bolzano del 2015 come candidato sindaco si era fermato all’8%, questa volta si dice “molto fiducioso” e dice di non temere il confronto con “Biancoboschi”: “C’è un crescente malessere, italiani e tedeschi sono delusi della politica”, afferma. Secondo Lantschner, classe 1956, “è un errore sottovalutare gli outsider”: “Candidarsi – aggiunge – è un dovere democratico, anche se le chance sono poche. Nessuno parla del futuro dell’Italia, del clima e delle disuguaglianze sociali”.

Cercheranno di intercettare il voto di protesta, chi tra gli italiani e chi tra i tedeschi, la candidata M5s Filomena Nuzzo, il consigliere bolzanino e leader di Casapound Bolzano Andrea Bonazza e l’ex leghista Hansjoerg Kofler, ora Partito valore umano ed esponente del movimento anti-vitalizi.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other