Marijuana torna droga leggera. Cosa cambia con la nuova legge sulle droghe

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2014 19:59 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2014 19:59
Marijuana torna droga leggera. Cosa cambia con la nuova legge sulle droghe

Un momento della marijuana million march (foto Lapresse)

ROMA – Marijuana e hashish tornano a essere droghe leggere. Il Senato ha votato la fiducia al decreto legge sulle droghe e i farmaci off label. Il decreto diventa legge. Dopo l’ok della Camera, e senza modificare il testo, l’Aula di palazzo Madama ha approvato la questione di fiducia posta dal governo con 155 sì, 105 no e nessun astenuto. Il provvedimento ora è legge e in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Cosa cambia

Con la reintroduzione della distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti, ci saranno pene più lievi per chi fuma spinelli. Il decreto legge è stato preparato dopo che era stata abrogata per incostituzionalità la legge Fini-Giovanardi (quella che equiparava la marijuana a cocaina ed eroina).

Viene introdotta la riduzione di pena per il piccolo spaccio, escludendo di fatto la reclusione in carcere. Inoltre vengono reintrodotti i lavori di pubblica utilità ed è infine prevista la riduzione di sanzioni per l’uso personale.

Torna la distinzione tra spaccio lieve e spaccio grave. Quando sono piccole dosi, la cessione sarà colpita con la reclusione da 6 mesi a 4 anni e una multa da mille a 15mila euro. La riduzione della pena evita la custodia cautelare in carcere e l’arresto, facoltativo, sarà possibile solo in caso di flagranza.

Per quanto riguarda le sanzioni amministrative, restano in vigore per chi fa uso personale di droghe (sospensione della patente, del porto d’armi, del passaporto o del permesso di soggiorno), comminate dalle prefetture, ma senza automatismi. Le sanzioni amministrative avranno una durata variabile a seconda che si tratti di droghe pesanti (da 2 mesi a 1 anno) o leggere (da 1 a 3 mesi)