Maroni: “Se il governo verrà sfiduciato si vota a Ottobre”

Pubblicato il 4 agosto 2010 9:00 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2010 9:32

Roberto Maroni

Se il governo sarà sfiduciato “non ci sono alternative al voto anticipato: con la novità, per l’Italia, che si voterà a ottobre o a novembre, ma cambia poco”: è la risposta netta del ministro dell’Interno ai cronisti che lo hanno interpellato al Senato, poco prima della seduta pomeridiana che ha all’ordine del giorno l’esame del ddl con il Codice antimafia.

“Senza la Lega non si va da nessuna parte”, è stato il ragionamento del ministro leghista. “Anche perché al Senato un qualsiasi altro governo non potrebbe mai prendere la fiducia. Allora? E’ inutile fare ragionamenti tortuosi. Se il governo viene sfiduciato, il presidente del Consiglio va al Quirinale a dimettersi. Il Capo dello Stato affida un incarico per la verifica di rito e il verificatore accerterà che non c’è una maggioranza in Parlamento. E la strada delle urne è aperta”.

Se invece, hanno chiesto i cronisti, si dovesse trovare una maggioranza diversa in Parlamento? “Non esiste una maggioranza diversa da quella che hanno voluto gli elettori. E’ irrealizzabile. Poteva accedere nella prima Repubblica. Oggi, no. Non c’ è spazio per giochi di questo genere. Senza la Lega non si va da nessuna parte. E se sfiduciano il governo si va soltanto da una parte: alle urne”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other