D’Alema a Berlusconi e Grillo: “Vi do le camere, datemi il governo”

Pubblicato il 28 Febbraio 2013 11:13 | Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2013 11:42
D'Alema a Berlusconi e Grillo: "A voi le camere, a noi il governo"

D’Alema a Berlusconi e Grillo: “A voi le camere, a noi il governo” (Foto LaPresse)

ROMA – “Al Pd il governo, a Pdl e M5s la guida delle camere”. Massimo D’Alema apre a Silvio Berlusconi e Beppe Grillo in un’intervista al Corriere della Sera. Questo voto ”potrebbe rappresentare l’occasione per una svolta positiva”, dice D’Alema, “nel senso che forze che si sono aspramente contrapposte potrebbero assumere una comune responsabilità, e farlo in modo nuovo rispetto alla politica tradizionale”.

D’Alema parla poi di ”un’assunzione di responsabilità da parte delle forze principali. Questo significa, innanzitutto, Movimento 5 Stelle, centrodestra e noi. Nessuno può avere interesse a precipitare il Paese verso nuove elezioni – osserva l’ex premier, – che sarebbero un drammatico choc. Neanche il Movimento 5 Stelle, che ha ottenuto un successo e che ragionevolmente credo voglia dimostrare la capacita’ di generare cambiamenti positivi per l’Italia”.

Il presidente del Copasir propone quindi che ”ciascuno, mantenendo la propria autonomia, possa confrontarsi in Parlamento alla luce del sole. Il primo problema è il funzionamento delle istituzioni e ritengo che le forze politiche maggiori debbano essere tutte coinvolte. E che quindi al centrodestra e al Movimento 5 Stelle vadano le presidenze delle due assemblee parlamentari, ovviamente sulla base della proposta di personalità che siano adeguate a ruoli istituzionali di garanzia”.

”Poi – prosegue l’ex premier – il Parlamento, e questo appello è rivolto ovviamente a tutti, deve consentire che il governo possa funzionare ricevendo il voto di fiducia. Il modello siciliano adombrato da Grillo può essere una buona idea, ma c’e’ una differenza istituzionale: in Sicilia il presidenteè’ eletto dal popolo, a livello nazionale il capo del governo, se non riceve la fiducia del Parlamento, non può governare”.

Quindi, ribadisce D’Alema, ”no ad ammucchiate” ma ”assunzione di responsabilità”. Analizzando il risultato delle urne, D’Alema spiega che ”la spinta al cambiamento è stata intercettata per lo più dal Movimento 5 Stelle” e che ”il voto per Grillo ha in parte prosciugato Sel, per angoscia sociale e protesta”.

Su Marop Monti, l’ex premier afferma: ”Nella sua campagna la sinistra non è stata trattata come abbastanza riformista”.