Mattarella riceve Fnsi al Quirinale: Libertà e pluralismo informazione fondamentali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2015 22:14 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2015 22:14
Mattarella riceve Fnsi al Quirinale: Libertà e pluralismo informazione fondamentali

Mattarella riceve Fnsi al Quirinale: Libertà e pluralismo informazione fondamentali

ROMA – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nella mattinata di mercoledì 25 febbraio al Quirinale una delegazione della Federazione Nazionale della Stampa Italiana composta dal Presidente, Santo Della Volpe, dal Segretario generale, Raffaele Lorusso, dal Direttore, Giancarlo Tartaglia, e da Giovanni Rossi e Franco Siddi già Presidente e Segretario generale della Fnsi.

La Fnsi è la prima forza sociale che il Presidente riceve dall’inizio del suo mandato. Il presidente ha voluto ricevere insieme ai nuovi vertici, subentrati il 30 gennaio, anche quelli usciti. Una scelta tesa a sottolineare l’importanza della continuità.

Mattarella, come di consueto, ha più ascoltato che parlato. Il Capo di Stato ha sottolineato, cosa già evidenziata nel suo discorso d’insediamento, il grande ruolo sociale dei giornalisti e della libertà di stampa come cardine costituzionale. In particolare è emersa l’alta sensibilità che Mattarella ha per il tema della libertà dell’informazione e del suo pluralismo. Il Capo dello Stato ha ribadito che per lui si tratta di un “punto fondamentale”.

5 x 1000

“L’informazione – ha detto il presidente – deve essere all’altezza del compito, è decisivo che sia qualificata e credibile. E il pluralismo è fondamentale”

Mattarella quindi si è informato sull’ultimo congresso della Fnsi. E ha tenuto a ribadire la centralità del sindacato inteso prima di tutto come un servizio alla comunità e ai cittadini. Proprio per questo, per il servizio che il sindacato fa in tema di tutela di diritti e di coesione sociale, Mattarella ha ringraziato la Fnsi.

Nessun commento, invece, dal presidente rispetto alle questioni Rai. Mattarella si è limitato ad ascoltare con estrema attenzione senza pronunciarsi, come è normale in una fase in cui la situazione è ancora lungi dall’essere definita, sulla questione disegno di legge o decreto. Stesso discorso sulla questione RaiWay : Mattarella si è linitato a dire che segue la situazione con estrema attenzione.