Brigandì contro i giudici al Tg1: “Hanno invaso la politica, infastiditi dalle riforme”

Pubblicato il 22 Febbraio 2011 22:15 | Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio 2011 22:17

Matteo Brigandì

ROMA – ”La magistratura ha invaso e sta invadendo il campo della politica e quindi è evidente che una qualsiasi riforma che voglia ricondurre il potere giudiziario nell’alveo costituzionale dà fastidio”.

A dirlo, in una intervista al Tg1, e’ il membro laico del Csm Matteo Brigandì. Dopo aver definito la separazione delle carriere e l’obbligatorietà dell’azione penale ”un meccanismo altamente culturale”, Brigandì si è soffermato sulla questione delle intercettazioni, affermando tra l’altro che ”l’idea di essere tutti intercettati è una lesione di un diritto che è quello della comunicazione tutelato dalla Costituzione ormai andato a pallino”.

Brigandi’ ha anche risposto ad una domanda sulla vicenda che lo vede iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Roma per la diffusione di notizie pubblicate dal ‘Giornale’ su un procedimento disciplinare di quasi 30 anni fa a carico di Ilda Boccassini. Nell’ambito dell’inchiestaè stata anche perquisita la giornalista del quotidiano Anna Maria Greco, con la quale, ha detto Brigandi’ ”non ho mai avuto contatti personali diretti o indiretti. Quindi – ha concluso – io non ho mai passato niente a nessuno”.