Matteo Salvini: “Berlusconi si scordi di fare un governo col Pd”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 aprile 2018 11:47 | Ultimo aggiornamento: 8 aprile 2018 12:16
Silvio Berlusconi e Matteo Salvini (foto Ansa)

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini (foto Ansa)

ROMA – “Forza Italia si scordi di fare un governo con il Pd, perché “se c’è un tentativo da fare, è con i 5 Stelle”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Ladyblitz.

Intervistato dal Corriere della Sera, il leader della Lega Matteo Salvini sintetizza quanto dirà oggi a Silvio Berlusconi al vertice del centrodestra, e aggiunge che sarà necessario parlare con una voce sola.

Oggi, fa sapere, con gli alleati si dovrà mettere nero su bianco i 10 punti del programma: “Sulla base di quelli, le distanze dai 5 Stelle sono molto meno di quelle che si pensi”.

“Voglio dirlo chiaro – dice Salvini – si scordino di fare un governo con il Pd. Se c’è un tentativo da fare, è con i 5 Stelle. Non è una mia fissazione, ma una cosa ovvia”.

Se voglio cancellare la riforma Fornero, se voglio riformare il mondo del lavoro e la scuola ed espellere gli immigrati clandestini, con chi dovrei fare queste cose? Con quelli che ci hanno portato fino a qui?”. “Non siamo poi così lontani sui programmi”, aggiunge parlando dei 5 Stelle, mentre in vista del vertice di Arcore di oggi spiega: “Con gli alleati dobbiamo mettere nero su bianco i dieci punti del nostro programma”.

“Al primo giro” di consultazioni, afferma Salvini, “siamo andati, con mio stupore, dicendo cose diverse. È chiaro che se andiamo in giro dicendo cose diverse, si fa il buon gioco di chi sostiene che siamo divisi. Dunque, parleremo con una voce sola, quella scelta dagli italiani che hanno portato il centrodestra a guida Salvini a essere la coalizione più votata. E così, toglieremo ogni alibi a Luigi Di Maio”.

All’osservazione che il centrodestra un po’ diviso lo sia, sull’Europa per esempio, Salvini ammette: “È vero, quello è un nodo fondamentale. E non solo con Berlusconi. Io non posso andare al governo con chi fino ad oggi ha detto soltanto signorsì a Bruxelles. Di Maio ora dice che loro rimarranno fedeli all’Ue…”. “Io invece – prosegue – l’ho detto anche al presidente Mattarella: a breve ci saranno scadenze importanti, noi intendiamo rispettare gli accordi fino a quando garantiscono il benessere degli italiani. Se invece il rispetto dei parametri significasse chiusura di altre aziende, precariato e povertà, per noi non esiste. Oggi lo dirò anche a Berlusconi: se il centrodestra deve parlare con una sola voce, quella voce deve essere chiara”.