Salvini: “Troppe zecche rosse, se vinciamo nelle loro Regioni Renzi a casa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Marzo 2015 15:52 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2015 16:12
Matteo Salvini: "In Italia ci sono troppe zecche rosse"

Matteo Salvini: “In Italia ci sono troppe zecche rosse”

ROMA – “In Italia ci sono troppe zecche rosse”, dice Matteo Salvinaggiungendo: “Se vinciamo nelle loro Regioni Renzi a casa”.

“Se vinciamo in qualunque delle Regioni super-rosse, c’è qualcuno a Palazzo Chigi che il giorno dopo dovrebbe dimettersi e tornare al voto”. Salvini si riferisce a Toscana e Liguria.

Salvini parla anche di “zecche”:

“Due militanti della Lega aggrediti a Cagliari da una quindicina di zecche rosse, l’altro giorno io assediato a Genova. Sono quelli che si annidano tra i peli del cane e decidono chi è democratico e chi no. Tutti i centri sociali occupati illegalmente vanno sgomberati. Se andiamo a vedere i comunisti hanno ammazzato più persone dei fascisti”.

“L’antifascismo è una roba da libri di storia, una cosa superata. Come l’anticomunismo. Poi se andiamo a vedere i comunisti hanno ammazzato più persone dei fascisti”, aggiunge Salvini. “Non tornerà né l’uno né l’altro – dice – è un dibattito vecchio. Se un movimento di sinistra condivide le nostre battaglie parlo anche con quello, come con Casapound”. Ma non è imbarazzato quando il capo di Casapound dice di essere mussoliniano? “No, mi incuriosiscono come quelli che vogliono rifondare il comunismo. Alleati? Sono solo venuti a parlare, condividono alcune battaglie”.