Matteo Salvini avvisa Roberto Maroni: “Se lasci la Lombardia non puoi fare altro”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 gennaio 2018 11:31 | Ultimo aggiornamento: 9 gennaio 2018 11:32
matteo-salvini-roberto-maroni

Matteo Salvini avvisa Roberto Maroni: “Se lasci ruolo non puoi fare altro”

ROMA – Matteo Salvini avvisa Roberto Maroni: “Se lasci la Lombardia non puoi fare altro”. “Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia che vale molto di più di tanti ministeri evidentemente in politica non puoi più fare altro”. A dirlo è Matteo Salvini, segretario della Lega, commentando il passo indietro di Roberto Maroni ai microfoni di Radio 24. “Mi pare addirittura ovvio – ha continuato Salvini – la Lombardia è il terzo motore d’Europa, conta più di 10 milioni di abitanti, è la capitale italiana dell’impresa, dell’innovazione, della ricerca. Quindi è chiaro che se sei soddisfatto e ti senti arrivato per quello che hai fatto, evidentemente non puoi fare altro”.

Nessuno leva dalla testa dei salviniani che ci sia un patto occulto tra il loro governatore e il fondatore di Forza Italia. Per depotenziare Salvini e l’ala populista della coalizione, per frenarne la pretesa di premiership. Peggio ancora: per ribaltare i rapporti di forza elettorali anche in Lombardia. Se gli azzurri superassero la Lega persino nella sua regione culla, sarebbe un macigno su quel «Salvini premier» scritto nel simbolo elettorale. (Marco Cremonesi, Corriere.it)

Ha scelto lei Attilio Fontana per sostituire Roberto Maroni come candidato presidente in Lombardia? “Sì – ha risposto il segretario della Lega Matteo Salvini, ai microfoni di 24 Mattino su Radio 24 – questi sono gli onori e gli oneri del segretario”. “Quando ti trovi dalla sera alla mattina a dover risolvere un problema, come in un’azienda, non puoi aspettare nemmeno tre ore – ha proseguito Salvini – ho valutato chi potesse avere quelle caratteristiche e ho chiamato Fontana. Era in vacanza in Russia con i figli, è tornato subito e mi ha detto: ‘Me la sento, sono onorato è una bellissima sfida’”. E quando gli è stato chiesto se Berlusconi avesse gradito la scelta di Fontana, il leader del Carroccio ha detto: “Mi sembra che l’abbia incontrato o lo stia incontrando oggi”.