Mes, Conte alla Camera: “Trattato non ancora firmato. Opposizione spregiudicata”

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Dicembre 2019 15:06 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2019 15:06
Mes, Conte alla Camera: "Trattato non ancora firmato. Opposizione spregiudicata"

Il premier Giuseppe Conte alla Camera per l’informativa sul Mes (Foto Ansa)

ROMA – “Mi sembra quasi superfluo ricordare a quest’Aula che il Mes non è stato ancora firmato”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte alla Camera per l’informativa sul meccanismo europeo di stabilità, ossia il fondo salva-Stati che ha scatenato l’ira delle opposizioni. Informativa durante la quale Conte è stato più volte interrotto dagli applausi della maggioranza e dalle proteste dell’opposizione.

“Sono qui per l’informativa sulle modifiche al Mes non solo perché doverosa dopo la richiesta ma anche perché ho sempre cercato di assicurare una interlocuzione chiara e trasparente con Il Parlamento”, ha esordito il premier attaccando l’atteggiamento dell’opposizione sulla vicenda. “Chi è all’opposizione – ha tuonato – sta dando prova di scarsa cultura delle regole e mancanza di rispetto per le istituzioni “. “E’ stato anche detto che il Mes sarebbe stato già firmato, e per giunta di notte. Anche chi è all’opposizione ha compiti di responsabilità”.

“Mi sono sorpreso, se posso dirlo, non della condotta del senatore Salvini, la cui “disinvoltura” a restituire la verità e la cui “resistenza” a studiare i dossier mi sono ben note, quanto del comportamento della deputata Meloni” nel “diffondere notizie allarmistiche, palesemente false” sul Mes.

“Una falsa accusa di alto tradimento della Costituzione – puntualizza – è questione differente dall’accusa di avere commesso errori politici o di avere fatto cattive riforme: è un’accusa che non si limita solo a inquinare il dibattito pubblico e a disorientare i cittadini, è indice della forma più grave di spregiudicatezza perché pur di lucrare un qualche effimero vantaggio finisce per minare alle basi la credibilità delle istituzioni democratiche e la fiducia che i cittadini ripongono in esse”.

“Nel Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2019 – ha ricordato – è stata presentata e illustrata nel dettaglio la “Relazione consuntiva sulla partecipazione dell’Italia all’Unione europea, relativa all’anno 2018” in cui si parlava della trattativa condotta anche sul Mes. In Cdm, sottolinea, “nessuno dei ministri presenti, compresi quelli della Lega, ha mosso obiezioni sul punto e, in particolare, sulla relazione da presentare alle Camere”.

“Posso dunque affermare – continua Conte –  che, poco meno di un anno fa, l’Italia, da me rappresentata, si è espressa in sede europea in maniera perfettamente coerente con il mandato ricevuto da questo Parlamento. Su tali basi è stato dato l’incarico all’Eurogruppo di procedere alla predisposizione di una bozza di revisione del Trattato Mes”. E fu il ministro dell’Economia Giovanni Tria a inviare ai presidenti delle Camere “il testo di revisione del Mes”. Ricorda poi il ringraziamento che il senatore della Lega Alberto Bagnai gli fece durante l’esame del Mes al Senato, scatenando gli applausi dei deputati del Pd.

“Il nostro Paese ha un debito pubblico pienamente sostenibile – ha concluso Conte – come pure riconoscono i mercati, la Commissione europea e il Fondo Monetario Internazionale, per cui non si intravvede all’orizzonte nessuna necessità di attivare il Mes”. E ha ribadito: “Il Mes non è indirizzato contro un Paese o costruito a vantaggio di alcuni Paesi a scapito di altri. E’ una assicurazione contro il pericolo di contagio e panico finanziario, a vantaggio di tutti. Nel negoziato abbiamo ottenuto regole che fossero vantaggiose per l’Italia sia nel remotissimo caso in cui dovessimo arrivare a chiedere anche noi fondi al Mes, sia in quelli, molto più frequenti, in cui l’Italia si ritrovasse dal lato di coloro che erogano il prestito”.

Fonte: Ansa