Migranti, Salvini come Trump? Fedriga (Friuli): “Stiamo valutando muro di 243 km al confine con la Slovenia”

di Daniela Lauria
Pubblicato il 30 Giugno 2019 11:59 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2019 11:59
Migranti, Salvini come Trump? Fedriga (Friuli): “Stiamo valutando muro di 243 km al confine con la Slovenia”

Migranti, Salvini come Trump? Fedriga (Friuli): “Stiamo valutando muro di 243 km al confine con la Slovenia”

TRIESTE – Un muro di 243 chilometri al confine est, tra Italia e Slovenia. E’ l’idea lanciata dal governatore del Friuli Venezia-Giulia, Massimiliano Fedriga (Lega), che ora “è allo studio del Viminale”.

In una intervista al Fatto Quotidiano il governatore spiega: “Certo che se l’Europa non tutela i suoi confini noi saremo costretti a fermare l’ondata migratoria che avanza attraverso altri Paesi dell’Ue con tutti i mezzi. Non possiamo mettere poliziotti a ogni metro, anche se le misure di vigilanza, grazie al nuovo piano del Viminale, stanno dando i loro frutti”.

Sarà “un muro o altro”, Fedriga non ha ancora ben chiaro di come si concretizzerà il progetto trumpiano. Ma “dobbiamo respingere un fenomeno che attenta alla tranquillità dei nostri concittadini, alla nostra sicurezza”, replica a chi contesta l’idea.

5 x 1000

Del resto, non più tardi di qualche giorno fa, lo stesso Matteo Salvini aveva cavalcato l’onda della riapertura della rotta balcanica. “Dopo aver chiuso i porti – aveva detto – ora sigilliamo le frontiere a Est”. Ma sui muri ci era andato piuttosto cauto: “I muri non mi piacciono e spero che le pattuglie miste tra Italia, Friuli e Slovenia siano sufficienti per bloccare i trafficanti di esseri umani”, aveva precisato. Fedriga intanto ha già preso le misure.

Nella stessa intervista il governatore leghista parla anche dello striscione per Giulio Regeni, rimosso dal balcone della Regione: “Sono contro l’ipocrisia – ha spiegato – Quello striscione era una finzione. Il Pd non ha fatto nulla per capire le cause della morte di quel ragazzo, per raggiungere la verità. Si coprivano dietro lo striscione”. (Fonte: Il Fatto Quotidiano)