Migranti, Zaia ai Prefetti: “Via profughi dalle località turistiche del Veneto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Giugno 2015 13:29 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2015 13:30
Migranti, Zaia ai Prefetti: "Via profughi dalle località turistiche del Veneto"

Luca Zaia (Foto Lapresse)

VENEZIA – Via i profughi dalle località turistiche del Veneto: il confermato presidente della Regione, Luca Zaia, scrive ai Prefetti. Ricalcando la mossa del collega governatore della Lombardia, Roberto Maroni, che ha annunciato “premi” ai Comuni che non accoglieranno i migranti, Zaia ha chiesto “lo sgombero di tutte le strutture ricettive e degli alloggi già occupati da immigrati nelle località turistiche”.

Il governatore leghista teme che la presenza dei profughi pregiudichi la stagione turistica appena iniziata. “Il Veneto, ha scritto Zaia ai Prefetti della Regione nella sua lettera, è la prima Regione turistica d’Italia e la sesta d’Europa, con 63 milioni di presenze (il 15% del volume nazionale), con 17 milioni di fatturato annuo compreso l’indotto”.

Adesso questo primato, secondo il governatore, sarebbe a rischio, come ha spiegato nella lettera:

“Facendo mio lo sgomento di quanti mi hanno in ogni modo e in ogni dove manifestato la propria preoccupazione che una simile ridda di voci e di azioni possa determinare un effetto devastante sulla stagione turistica in corso, e soprattutto un boomerang sulle prenotazioni a causa delle pubblicità negativa che i media internazionali sono pronti a rilanciare su vasta scala avvantaggiando i Paesi confinanti sono a chiedere con la presente di provvedere allo sgombero con la massima urgenza di tutte le strutture ricettive e degli alloggi già occupati da immigrati nelle località turistiche e a desistere dal procedere a nuove allocazioni”.