Mills, Ghedini: “Ora sospendere processo a Berlusconi”

Pubblicato il 26 Febbraio 2010 8:45 | Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio 2010 8:45

Niccolò Ghedini

Dopo la prescrizione per l’avvocato inglese  David Mills, Niccolò Ghedini, parlamentare e avvocato di Silvio Berlusconi, auspica la sospensione del processo a carico del presidente del Consiglio legato alla vicenda del legale inglese.

Ora i giudici di Milano, che sabato 27 febbraio riprenderanno il processo a Silvio Berlusconi per la vicenda Mills, ha spiegato Ghedini, dovrebbero “decidere di sospendere le udienze in attesa del deposito della motivazione della sentenza della Cassazione. Per valutare se il reato è prescritto anche per Berlusconi”.

In un’intervista al Corriere della Sera Ghedini sottolinea come la Corte non abbia accolto “il parere della Procura Generale. La Cassazione non ha detto che Mills è colpevole. Non c’é stato nessun accertamento di reato nei confronti di Mills”.

Ghedini non si dice comunque “soddisfatto” perché lo sarebbe con la formula “il fatto non sussiste”. “L’eventuale reato – spiega Ghedini – potrebbe essere retrodatato addirittura al febbraio del 1998 come in realtà era stato contestato in un primo momento”, e in questo caso “il reato sarebbe già prescritto per Berlusconi, anche scontando l’anno di sospensione del processo dovuto all’approvazione del Lodo Alfano”.

L’avvocato del premier rileva anche che l’ipotesi che il reato sia stato commesso nel novembre ’99 ”non è scritta nel dispositivo. Non c’é scritto ‘in accoglimento della richiesta del Pg’. Quindi per capire dovremo aspettare la lettura delle motivazioni”, che dovrebbero arrivare “direi all’inizio di aprile”.