Monti: “Approvando il fiscal compact, la Bce sarà più rilassata”

Pubblicato il 12 Gennaio 2012 10:22 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2012 10:25

ROMA, 12 GEN – Per ridurre il debito e' importante che ci siano due criteri secondo il premier Mario Monti: ''Una forte e continua diminuzione, ma anche un quadro qualitativo di criteri di applicazione per definire il piano di rientro''.

''Credo ci stiamo riuscendo – ha detto – ma avremo maggiori certezze il 29-30 gennaio''.

Puo' darsi che la Bce, una volta approvato il 'fiscal compat' al livello europeo, con l'obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione, pur nella sua
''indipendenza'', si sentira' ''piu' rilassata''.

Il premier ha cosi' fatto un riferimento indiretto all'impegno che la Bce ha in questo momento nell'acquisto di Titoli di Stato di Italia e Spagna per mantenere sotto controllo lo spread rispetto ai Bund tedeschi. ''Vorrei infine dire che tutto si tiene, tutto e' legato. Non e' escluso – ha detto Monti chiudendo il suo intervento con una lunga frase ricca di incidentali – che la Bce, nelle cui decisioni non possiamo entrare, dopo che sara' stato acquisito a livello costituzionale questo accordo sul fiscal compact a livello europeo (e mi rallegro anche che l'Italia e' avanti nella trasposizione in termini di regola sul pareggio di bilancio in Costituzione), che quindi una volta il contesto europeo sia diventato strutturalmente disciplinato dal punto di vista dei bilanci pubblici, si senta piu' rilassata''